Ieri negli uffici di Confindustria Lecco Sondrio si è raggiunto l’accordo per la gestione degli esuberi di Husqvarna.

LEGGI ANCHE Husqvarna: raggiunto l’accordo per la cassa straordinaria. Prosegue la vertenza Maggi

Crisi Husqvarna

“Così come abbiamo sottolineato questa mattina nell’assemblea tenuta sui cancelli della fabbrica con i lavoratori coinvolti la FIOM CGIL Lecco e La FIM CISL MB Lecco hanno ancora una volta voluto ringraziare  tutti coloro che con sacrificio hanno contribuito a mantenere vivo e attivo il presidio,i lavoratori e le lavoratrici,le loro famigliee tutte le persone che con la loro solidarietà quotidiana hanno dato un sostegno importante alla tenuta del presidio” spiegano Fabio Anghileri  e Lorenzo Ballerini della Cgil. “Al termine dell’assemblea i lavoratori oltre ad aver condiviso i contenuti dell’accordo hanno anche deciso che il presidio verrà tolto” .

Nuovo incontro al Ministero

“Per quanto riguarda i contenuti generali dell’accordo ci sembra giusto sottolineare che si è cercato in tutti i modi di dare le maggiori  garanzie e tutele possibili per tutte le maestranze coinvolte. Per quanto riguarda la CIGS  al momento necessita ancora per l’approvazione l’esame congiunto che avremo  il giorno 15 luglio negli uffici di Roma del MISE. Nello specifico abbiamo condiviso la volontà di attivare, con l’intervento di Regione Lombardia e la Provincia di Lecco , politiche attive con  percorsi finalizzati alla ricollocazione e riqualificazione dei lavoratori coinvolti ,la possibilità nel periodo di CIGS di utilizzare lo strumento del distacco per i lavoratori che ne facciano richiesta perché hanno trovato un occupazione anche a tempo determinato, la possibilità di avere delle incentivazioni all’esodo che saranno diverse a seconda di quando avverrà l’uscita ed  infine un sostegno economico durante il periodo di GIGS. L’impegno delle organizzazioni sindacali non termina oggi ma così come concordato negli accordi sindacali sottoscritti saranno effettuati degli appositi incontri nei mesi di CIGS anche per monitorare costantemente eventuali sviluppi in riferimento ad eventuali imprenditori disposti a subentrare nella produzione”.