Si è chiusa ieri, domenica,  con la Messa, la tre giorni di festa delle scuole di Rancio – “Pietro Scola”, “M.Kolbe”  e “Liceo Leopardi” – che quest’anno è al suo debutto nella nuova veste: tre intere giornate di tornei sportivi, giochi, spettacoli, laboratori, incontri e momenti conviviali che hanno registrato una presenza media costante di 350 persone.

Festa di fine anno alle scuole di Rancio

Un evento reso possibile grazie all’impegno e all’entusiasmo dei genitori dell’Associazione Amici delle “Scuole Pietro Scola-Kolbe-Leopardi” che hanno fortemente voluto questo momento per far vivere alle famiglie una festa davvero unica.

Anche don Burgio a Rancio

Tanti gli ospiti intervenuti, tra i quali don Claudio Burgio, cappellano del carcere minorile Beccaria di Milano e autore del libro “Non esistono ragazzi cattivi”, che ha saputo parlare a ragazzi e genitori in modo da coinvolgere tutti in un confronto sui temi della fiducia e della libertà, e Carlo Pastori e Walter Muto, che con il loro spettacolo musicale “Virus Vitale. Portatori sani di Bellezza” hanno divertito e nello stesso tempo acceso spunti di riflessione sul tema della felicità.  La lotteria proposta in occasione della festa ha infine permesso alla scuola di realizzare un nuovo campo sportivo di calcio, pallavolo e atletica.

Leggi anche:  Crisi Vismara, ecco le dichiarazioni di Lisa Ferrarini

La soddisfazione dei presidi

“Una festa che sarebbe stata impossibile senza l’aiuto di tante persone – insegnanti, genitori, studenti e volontari- che gratuitamente hanno dato il loro tempo.  E’ stata un’occasione preziosa per guardare insieme alla bellezza dei rapporti e degli incontri che accadono nelle nostre scuole e per mostrare il nostro progetto educativo volto ad introdurre bambini e ragazzi alla conoscenza di sé e del mondo ed alla consapevolezza di essere fatti per cose grandi” commentano i presidi delle scuole Annamaria Formigoni, Francesco Riva e Giuseppe Meroni.