Sulle chiusure degli esercizi commerciali la domenica e nei festivi, Forza Italia dà battaglia anche fuori dal Parlamento. L’ex ministro lecchese del Turismo, on. Michela Vittoria Brambilla, lancia una raccolta di firme a sostegno della sua pdl per promuovere le funzioni sociali dei centri commerciali e della Grande distribuzione organizzata (Gdo). “Di fatto – sottolinea l’esponente di Fi – raccoglieremo firme a favore delle aperture domenicali e nei festivi e lo faremo proprio a partire dagli spazi comuni dei centri commerciali”.

LEGGI ANCHE

Michela Vittoria Brambilla contro le chiusure domenicali dei negozi: “Follia del Governo”

Chiusure domenicali: la posizione di Rifondazione Lecco

Chiusure domenicali dei negozi: Brambilla lancia la raccolta firme per dire no

“In generale, e a maggior ragione nelle attuali condizioni economiche del Paese – afferma l’on. Brambilla – l’assalto del governo alla liberalizzazione dell’apertura degli esercizi commerciali, avviata in via sperimentale per i Comuni turistici da me, come ministro del Turismo del governo Berlusconi IV, e completata poi dal decreto Salva-Italia del 2011, è un atto demenziale, di puro autolesionismo, in linea con altri interventi letali per l’economia nazionale come il blocco delle grandi opere. Pare incredibile che si voglia togliere a quasi venti milioni di consumatori la libertà di fare acquisti la domenica e nei giorni festivi, che si vogliano perdere 40 mila posti di lavoro, in buona parte di giovani e donne, che si voglia fare un grandissimo regalo ai giganti dell’e-commerce, gli unici a navigare con il vento in poppa (+ 12,1 per cento nel 2018), mentre crollano i fatturati delle piccole superfici e ristagna quello della Grande distribuzione”.

Leggi anche:  Cavallier confermato alla presidenza di Lario Reti Holding
Michela Vittoria Brambilla

“Non possiamo permetterci  una follia del genere”

“Un Paese già in recessione tecnica, con un tasso di disoccupazione al 10,5 per cento e di inattività al 34,3 per cento non si può permettere una follia del genere. Lo sanno bene non soltanto le organizzazioni del commercio e della grande distribuzione, ma anche quelle dei consumatori, contrarie in blocco alle chiusure la domenica e nei festivi. Chi poi difende la proposta del governo in nome della “tutela dei lavoratori” è incoerente, perché leva gli scudi solo su quelli del commercio e non su milioni di altri che già oggi lavorano la domenica e i festivi in servizi essenziali e non essenziali: sono dipendenti di serie B, per i quali il lavoro domenicale è ammesso senza discussione? Con la raccolta di firme puntiamo ad evidenziare l’assurdità e l’incoerenza di una proposta che danneggia i cittadini da ogni punto di vista”.