Il 1° rapporto UIL del Lario anno 2019, sulla cassa integrazione nelle Province di Como e Lecco, relativo a gennaio 2019, desta qualche preoccupazione: aumenta la richiesta di ore di cassa integrazione totale da parte delle imprese dei due territori a gennaio rispetto allo stesso periodo 2018:

 Como +290,8 %;
 Lecco +31,4 %;
 Lombardia -23,6 %;
 Italia – 12,3 %.

Cassa integrazione a Lecco e Como

Invariata la situazione della cassa integrazione in deroga, ciò per effetto della cessazione dell’ammortizzatore. Aumenta invece la richiesta delle ore di cassa integrazione ordinaria

 Como +83,3 %
 Lecco +31,4 %
 Lombardia +16,8 %
 Italia +5,0 %

Cresce anche la richiesta delle ore di cassa integrazione straordinaria in Provincia di Como, mentre in quella di Lecco resta invariata la situazione:

 Como +90.748,0 %
 Lecco 0,0 %
 Lombardia – 50,9 %
 Italia – 22,0 %

I settori

A pesare sulla crescita della richiesta di ore di cassa integrazione a gennaio a Como è soprattutto il settore tessile con 459.356 ore di cassa integrazione totale, +465,7% rispetto a gennaio 2018. Mentre, in provincia di Lecco è il settore Metalmeccanico ad incidere sulla richiesta di cassa integrazione, con un aumento del  67,6% di richiesta di cassa integrazione totale a gennaio 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018.  G

Guardando la cassa integrazione nei singoli settori produttivi a gennaio 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente si registra una crescita della richiesta delle ore di cassa integrazione nel settore industriale nelle due province, mentre nel settore dell’edilizia diminuisce:

Leggi anche:  Passi avanti per il contratto integrativo Guzzi

 

Industria: Como +370,2 %; Lecco +31,4%
Edilizia: Como -51,5 %; Lecco -27,0 %
Artigianato: Como 0%; Lecco 0%
Commercio: Como -100 %; Lecco 0%

I lavoratori in cassa

· Como 3.575; +2.660 rispetto a Gennaio 2018.
· Lecco 259; +62 rispetto a Gennaio 2018.

Rallentamento della ripresa economica

“Il 1° rapporto UIL del Lario del 2019, conferma il rallentamento della ripresa economica, una situazione già palesata nella fase finale del 2018” sottolineail segretario del sindacato lariano Salvatore Monteduro. “Permane, quindi, una preoccupazione della fase di incertezza che sta attraversando il Paese, ed è quanto mai attuale e urgente un intervento del Governo Nazionale per rilanciare gli investimenti pubblici in infrastrutture materiali ed immateriali, fondamentali per la ripresa occupazionale, l’ammodernamento e lo sviluppo e competitività del nostro sistema produttivo. Il tempo è scaduto, bisogna agire velocemente, solo nelle due Province di Como e Lecco ci sono 2.700 lavoratori in cassaintegrazione in più rispetto allo scorso anno. Uomini e donne che vedono a rischio il posto lavoro”.