Si chiama Acqua ControCorrente ed è un progetto di sensibilizzazione sui temi dell’acqua pubblica e della lotta alla “cultura dell’usa e getta” che coinvolgerà entro fine 2019 oltre 5.000 tra studenti, atleti e frequentanti di biblioteche e municipi della nostra Provincia.
Due gli obiettivi principali dell’iniziativa: incentivare l’uso di acqua di rete e ridurre il consumo della plastica monouso nelle scuole, nelle palestre, nei municipi e nelle biblioteche.
L’intervento, che prevede l’installazione gratuita di erogatori di acqua di rete pubblica oltre alla consegna di borracce, è rivolto a studenti di scuole primarie e secondarie, nonché al pubblico delle biblioteche, luoghi ove si formano sapere e conoscenza culturale e civica per le nuove generazioni. Anche le sedi municipali ed alcune palestre comunali saranno dotate di erogatori di acqua per i dipendenti e gli atleti.

Lelio Cavallier, Presidente di Lario Reti Holding

“L’Italia, come anche appurato da Legambiente e Altroconsumo, è al primo posto in Europa in termini di consumo di acqua in bottiglia: nove italiani su dieci la preferiscono all’acqua di rete e nove miliardi di bottiglie di plastica vengono consumate ogni anno nel nostro Paese – spiega Lelio Cavallier, Presidente di Lario Reti Holding – Alla luce di questa considerazione, insieme agli altri Gestori pubblici del servizio idrico integrato presenti in Lombardia (Brianzacque, Cap Holding, Uniacque, Padania Acque, Brianzacque, Sal, Secam e Pavia Acque), abbiamo avviato una serie di iniziative per promuovere comportamenti virtuosi nell’uso dell’acqua di rete che è controllata, quindi sicura e
buona. È all’interno di questo quadro che il nostro Consiglio di Amministrazione ha approvato l’iniziativa Acqua ControCorrente, che estende alle scuole e alle strutture comunali i comportamenti virtuosi che sosteniamo e abbiamo adottato da tempo in azienda con l’abbandono dell’uso delle bottiglie monouso”.

Per la prima fase sperimentale del progetto, entro la fine del 2019 saranno installati tra i 15 ed i 20 erogatori in altrettante strutture della Provincia, diverse tra di loro e ritenute significative ai fini della sperimentazione, cominciando con 3 biblioteche, 6 Municipi, 3 Palestre e 5 scuole tra elementari, medie e superiori.

Una delle installazioni del progetto Acqua ControCorrente

I macchinari scelti da Lario Reti Holding per questa prima fase sperimentale sono di due tipologie: da scuola/palestra e da ufficio/biblioteca. La prima tipologia non effettua alcun tipo di trattamento dell’acqua, se non un passaggio attraverso una cartuccia contenente carboni attivi al
fine di ridurre il sapore e l’odore di cloro che potrebbe risultare sgradevole ai più piccoli. Il macchinario da ufficio, invece, prevede inoltre l’erogazione di acqua refrigerata naturale e gassata. La scelta di non installare alcun tipo di microfiltro o ulteriore trattamento è strategica per Lario Reti Holding: l’acqua di rete è già naturalmente buona, sicura e controllata.

I primi 7 erogatori sono stati installati nei giorni scorsi nei Municipi di Barzago, Molteno e Sirtori, così come nelle biblioteche comunali di Ello e Monticello Brianza e nelle palestre comunali di Mandello del Lario e Pescate.
Entro il 2020 verranno installati altri 50 erogatori circa, in strutture che hanno già fatto richiesta rispondendo alla campagna di raccolta adesioni lanciata da Lario Reti Holding l’estate scorsa.
Insieme a questi primi 70 erogatori, installati tra dicembre 2019 e fine 2020, il Gestore del Servizio Idrico Integrato della Provincia di Lecco intende distribuire volantini informativi ed oltre 20.000 borracce in tritan.

Leggi anche:  Lecco: al via ApiLab, la business school del Gruppo Giovani Imprenditori

Questo è un polimero plastico lavabile in lavastoviglie e che resiste alle alte temperature senza intaccare la qualità degli alimenti contenuti. Il tritan è inoltre un materiale BPA-FREE, ovvero non contiene la sostanza chimica tossica Bisfenolo A, è stato approvato come adatto all’uso alimentare dall’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ed ha ricevuto dalla Commissione Europea il codice di riciclaggio 7, che ne garantisce la riciclabilità in accordo con le normative vigenti.

“È giunto il momento di dare un  taglio alla “cultura dell’usa e getta” – conclude Cavallier – e di promuovere, come chiede l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, una cultura d’impresa volta alla sostenibilità non solo economica ma anche sociale e ambientale. Questo nostro progetto è un inizio in questo senso, un invito a diventare, come dice lo slogan della nostra campagna, sorgente di cambiamento».

Formazione: record di iscrizioni

La formazione e la sensibilizzazione dei più giovani ai temi del rispetto ambientale e della sostenibilità sono da anni uno dei principali capisaldi dell’attività al pubblico di Lario Reti Holding. Anche per l’anno scolastico 2019/2020, infatti, l’azienda e l’Ufficio d’Ambito di Lecco hanno proposto a tutte le scuole primarie e secondarie una serie di attività formative gratuite, da tenersi in classe o sul campo.
La risposta delle scuole ha superato ogni previsione e record degli anni precedenti: 320 iscrizioni ai laboratori in classe, 80 richieste per visite ai corsi d’acqua sul territorio e ben 90 classi in visita agli impianti di acquedotto e depurazione di Lario Reti Holding, per un totale di studenti coinvolti che sfiora gli 11.000. Il progetto è alla quarta edizione e include anche il tradizionale concorso rivolto a tutte le scuole della Provincia, le cui iscrizioni si apriranno con il 2020; in palio, offerti da Lario Reti Holding e dall’Ufficio d’Ambito, 5.000 Euro in buoni di acquisto di materiale scolastico per i 6 Istituti vincitori.

“Siamo molto soddisfatti dal risultato raggiunto quest’anno – spiega Matteo Grazioli, Responsabile Comunicazione di Lario Reti Holding e coordinatore del Progetto Scuole dell’azienda – Il record di adesioni è da imputare agli sforzi di diffusione di questa iniziativa portati avanti per anni dall’Ufficio d’Ambito e da noi stessi ma, credo e spero, anche alla diffusione a cui stiamo assistendo di un nuovo senso di responsabilità verso l’ambiente e i temi che noi trattiamo quotidianamente”.

Ogni giorno, LRH effettua circa 20 controlli di qualità

I prelievi sono effettuati secondo un calendario molto rigido e riguardano le acque potabili, le acque reflue ed i fanghi da depurazione. La maggior parte dei campioni viene analizzata nel nostro Laboratorio di Lecco ma al cuni controlli sono realizzati da altre aziende, per garantire un controllo ancora più stretto a tutela degli utenti.

Scopri come funziona il nostro Laboratorio all’indirizzo www.larioreti.it/laboratori

 

Informazione pubblicitaria