Zelbio, un piccolo paese di grande fascino a 800 metri d’altezza sul ramo comasco del Lario, ospita il festival “Zelbio cult – Incontri d’autore su quell’altro ramo del lago di Como”: giunto alla dodicesima edizione, è organizzato da un gruppo di amici, in collaborazione con la Pro Loco e la Biblioteca comunale di Zelbio. Motore e ideatore del programma è Armando Besio, giornalista di lungo corso a Repubblica e da sempre innamorato di Zelbio: insieme hanno deciso di farlo diventare il palcoscenico di incontri colti e divertenti, invitando protagonisti del mondo culturale, mischiando i generi e giocando con le contaminazioni.

Zelbio Cult 2019: Incontri d’autore… su quell’altro ramo del Lago di Como

“Venerdì 19 luglio sarebbe dovuto tornare a trovarci il professor Stefano Zuffi: per un lutto familiare, non potrà essere presente” spiegano gli organizzatori. “Scusandoci con il pubblico, Zelbio Cult propone una serata sempre legata alla figura di Leonardo: Chiara Gatti, storica dell’arte, ci propone un’altrettanto coinvolgente serata dedicata al Genio”. “Dame, Vergini e Scapiliate, tutte le donne di Leonardo” è il titolo della serata dedicata alle figure femminili nelle opere e nella vita del grande artista. Dalla prima Madonna bambina, che dipinse appena uscito dalla bottega del Verrocchio, alla misteriosa Scapiliata, dai capelli ribelli e l’identità incerta, passando per Cecilia Gallerani, alias La dama con l’ermellino, amante prediletta del Moro, che abitò le stanze del milanese Palazzo Carmagnola, oggi sede del Piccolo Teatro. Tutte le donne di Leonardo. Fra sacro e profano si dipana un racconto che mescola la biografia del genio, le corti, i capolavori, le invenzioni, con le figure femminili di cui egli mise completamente a nudo il cuore e la psiche. La Gioconda non fu infatti l’unica donna enigmatica della sua vita. I famosi ritratti di Leda, le due versioni della Vergine delle rocce, lo sguardo sfuggente della Belle Ferronnière, oltre a tutte le Madonne che Leonardo imbastì per il re di Francia, punteggiano la sua ricerca sui temi eterni della bellezza e dell’inconscio. L’anima e il volto delle sue creature impenetrabili tradiscono la grande ossessione del maestro: afferrare l’invisibile e ritrarlo in pittura.

Chiara Gatti

Chiara Gatti è storica e critica dell’arte, specialista di scultura e di grafica moderne e contemporanee. Scrive per le pagine del quotidiano “La Repubblica”. Ha curato monografie e testi critici dedicati, fra gli altri, all’opera di Manet, Wildt, Amisani, Bucci, Rouault, Boccioni, Mirò, Carrà, Giacometti, Melotti, Baj, Ferroni, Lai. Ha pubblicato il saggio “Dentro la cornice”, dedicato al sistema dell’arte contemporanea, al fianco di Enrico De Pascale (Mondadori 2008), e “Insolite natività”(Interlinea 2012). Con Lea Vergine ha scritto “L’arte non è faccenda di persone perbene” (Rizzoli 2016).

Il programma completo

Sabato 27 luglio si parla di Italia e di Italiani partendo dal saggio “La Penisola che non c’è – La realtà su misura degli italiani” (Mondadori): il sociologo e sondaggista NANDO PAGNONCELLI – presidente di Ipsos Italia, ospite della trasmissione tv “Di martedì” e firma del “Corriere della Sera” – ci racconta alcune incongruenze del nostro Paese. Partendo da una analisi precisa su cosa sia “l’opinione pubblica”, Pagnoncelli la tratteggia come “protagonista” indiscussa dei nostri tempi perché ottenerne il consenso è di vitale importanza per leader e partiti politici, che spesso modellano la propria azione solo in vista di questo obiettivo. Da qui la necessità di sapere cosa pensano, desiderano e sognano i cittadini, ossia i potenziali elettori, salvo scoprire che le loro opinioni sono profondamente contraddittorie e di rado, almeno nel nostro paese, rispecchiano la realtà. I dati parlano chiaro: secondo gli italiani il 26% dei residenti nel nostro Paese è composto da immigrati mentre il dato reale non supera il 9%, anche la percezione degli islamici in Italia non corrisponde alla realtà: dal 20% percepito ad un dato reale che oscilla dal 2% al 3,7%. I sondaggi – che Pagnoncelli ha utilizzato anche in occasioni delle recenti elezioni europee – rappresentano quindi uno strumento preziosissimo che, come uno specchio, dovrebbe riflettere l’immagine di una società̀ e che invece, nel caso dell’Italia – Paese “strabico”, ne svela inaspettatamente le mille incoerenze.

 

Sabato 3 agosto spazio per un racconto dedicato al Ticino con “Angeli, Arcangeli e demoni del Ticino”: il celebre architetto MARIO BOTTA, già ospite di Zelbio, narra le grandi bellezze della Svizzera Italiana e ci porta a riscoprire e valorizzare un grande patrimonio di tradizioni, cultura e arte presente sul territorio cantonale. Botta ha costruito edifici in tutto il mondo, dalle ville alle banche, dai musei ai casinò: sono però gli edifici di culto a stargli particolarmente a cuore, come spiega in questa serata. Rappresenta per molti estimatori “l’anima” di questa zona del Ticino, e lega il suo nome alle bellezze architettoniche che ha ideato, progettato e costruito, tra le quali troviamo: la Chiesa di Santa Maria degli Angeli sul Monte Tamaro, il rifugio “Fiore di Pietra” sul Monte Generoso, o il Teatro dell’Architettura di Mendrisio. Una serata che ripercorre le strade del Ticino alla ricerca dell’architettura e dell’arte sacra, affiancandole alle sue celebri bellezze naturali e alle località più note.

 

Sabato 10 agosto una serata di parole, immagini e musica che partono da Zelbio e volano in Spagna: Giuseppe Pizzala è “Uno zelbiese alla guerra di Spagna”, ebanista emigrato in Sud America, rimandato in Italia perché rivoluzionario e poi ripartito per la Spagna dove si arruolò come volontario per sostenere il governo repubblicano contro l’insurrezione militare sostenuta da Mussolini e da Hitler. Antifascista, partecipò alla guerra civile spagnola dal 1936 al 1939, fino alla totale sconfitta della Repubblica e all’inizio dei successivi 35 anni di dittatura franchista. Riparò poi in Francia, dove proseguì la difesa della democrazia contro i nazisti combattendo tutta la II guerra mondiale come volontario nell’esercito francese. CLAUDIO ROSSI – che ha vissuto lunghi anni in Spagna approfondendone la storia e che attualmente collabora con l’Istituto “Ferruccio Parri” di Milano (Ex Istituto per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia) – ha recuperato documenti e testimonianze di questa vita avventurosa, di cui è rimasta scarsa memoria. Negli archivi dell’Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti in Spagna (AICVAS), conservati nell’Istituto “Ferruccio Parri” ha seguito le tracce di questa storia lariana, con il supporto del Presidente dell’Associazione Italo Poma, presente alla serata. Una serata animata dalle canzoni dell’epoca che ascolteremo dalla splendida voce di Angeles Aguado Lopez, dedicata agli abitanti di Zelbio – che dovrebbero annoverare con orgoglio Giuseppe Pizzala tra i suoi concittadini più illustri – e a tutti coloro che amano la libertà ed il coraggio.

Leggi anche:  “Concerto di Natale” del Consorzio Brianteo Villa Greppi

 

Si prosegue sabato 17 agosto con il ritorno di un affezionato amico del festival: GIANNI CLERICI racconta la sua straordinaria collezione di quadri e sculture, con la storica dell’arte MILENA NALDI. La serata “Dall’arte del tennis a il tennis nell’arte” prende spunto dalla recente pubblicazione “Il tennis nell’arte – Racconti di quadri e sculture dall’antichità ad oggi” (Mondadori), in cui il grande giornalista e scrittore traccia una storia divertita e inedita del tennis nell’arte. Molti sono infatti i grandi pittori che hanno raffigurato il tennis: da Desubleo a Tiepolo, da Chardin a Goya, da Boccioni a Campigli a Carrà a Hopper, per non parlare di scultori come Calder, Thayaht, Tongiani. I racconti dedicati alle opere di questi grandi artisti si intrecciano con la storia personale di Clerici che, dopo una vita spesa a commentare il tennis, ci accompagna per la prima volta a scoprire anche la sua ricca e ampia collezione familiare d’arte. Una serata in cui la storia del tennis si interseca alla storia dell’arte passando attraverso episodi di vita, di personaggi famosi e non.

 

Sabato 24 agosto protagonista è sempre l’attualità: in una serata intitolata “Ultimissime notizie”GIULIO ANSELMI riflette sulle problematiche dell’informazione attuale, analizzando le motivazioni dell’attuale crisi della carta stampata e le nuove frontiere dell’informazione digitale. È il Presidente dell’ANSA dall’aprile 2009. Nato a Valbrevenna nel 1945, si è laureato in giurisprudenza all’Università di Genova ed ha cominciato a collaborare da studente al Corriere Mercantile. Dopo la laurea e un breve periodo di pratica forense, inizia a collaborare con il Corriere Mercantile, per poi passare, nel 1969, a Stampa Sera e quindi a La Stampa, a Panorama – come inviato speciale – e al Secolo XIX. Dal 1984 direttore del settimanale Il Mondo, nel 1987 è passato al Corriere della Sera, dove è rimasto fino al 1993 come vicedirettore e poi condirettore; successivamente assume la guida de Il Messaggero, che condurrà fino al 1996.

Dopo un breve periodo da editorialista del Corriere della Sera, nel 1997 è direttore responsabile dell’ANSA; dal 1999 al 2002 direttore de L’Espresso, rimane successivamente editorialista del quotidiano del Gruppo, la Repubblica e vicepresidente di Finegil. È stato consulente della trasmissione televisiva di Rai 3 “Ballarò” e dal 2005 ha diretto La Stampa di Torino, per poi tornare all’ANSA nell’aprile del 2009 in veste di Presidente.

Presidente della FIEG (Federazione italiana Editori Giornali) dal 2011, e di Audipress (agenzia di raccolta e analisi dati sulla diffusione della stampa italiana) dal 2012, ha insegnato “Teoria e tecniche del linguaggio giornalistico” all’Università LUISS Guido Carli. Con un saggio intitolato “I giornali non contano più nulla” ha partecipato al volume collettivo “Il pregiudizio universale: un catalogo d’autore di pregiudizi e luoghi comuni” (Laterza).

 

La serata conclusiva del Festival è sabato 31 agosto con lo scrittore svedese più noto in Italia, e che ama il Belpaese: BJÖRN LARSSON – scrittore, traduttore e appassionato velista – racconta della sua ultima pubblicazione “La lettera di Getrud” (Iperborea), un romanzo sulla storia e sull’identità, su come questa venga costruita e in parte imposta, sui limiti della libertà umana. Il romanziere che è diventato famoso a livello internazionale con “La vera storia del pirata Long John Silver” e “Il cerchio celtico” passa ad una nuova tematica, il dramma della persecuzione degli ebrei legato alla questione dell’identità. Larsson è docente di letteratura francese all’Università di Lund, filologo, traduttore, scrittore e appassionato velista: ama l’Italia e parla perfettamente italiano.

 

Il curatore del festival: Armando Besio

Genovese di nascita (1957), legato a Zelbio dalle radici della famiglia materna, si è laureato in Storia dell’Arte con il professor Corrado Maltese presso l’Università di Genova, ha lavorato al Secolo XIX, al Lavoro e al Venerdì di Repubblica, ed è stato responsabile per vent’anni delle pagine culturali milanesi di Repubblica. Collabora con la Milanesiana, la manifestazione culturale ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi.