Sabato 16 e domenica 17 novembre, torna a Casargo il tradizionale appuntamento con la “Mostra Regionale della Capra Orobica, giunta alla 29^ edizione e inserita nel calendario di iniziative di “Valsassina: la valle dei formaggi”. Si preannunciano due giornate ricche di eventi, tra cui la sfilata e la valutazione dei capi, la graduatoria e la proclamazione dei vincitori scelti dalla giuria. Completano il programma i laboratori per i bambini, la fattoria didattica, il servizio di ristorazione e la tradizionale fiera con prodotti tipici del territorio. 

Va in scena la Mostra Regionale della Capra Orobica

LEGGI ANCHE La fiera della capra orobica (è il miglior animale… dopo la donna) VIDEO

Protagonista indiscussa è la Capra Orobica, una razza molto particolare, come sottolinea Antonella Invernizzi, presidente del Centro Zootecnico della Valsassina e Montagna Lecchese che è fra gli organizzatori della manifestazione: «Si tratta di una razza di capre con un albero genealogico in Italia che è presidio Slow food. Aspetti che fanno cogliere l’importanza di salvaguardare questo animale e che, di anno in anno, invogliano a organizzare una mostra a loro dedicata. Sono tanti gli allevatori, soprattutto hobbisti, che si dedicano all’animale dalle belle corna e dal pelo lungo con molti sacrifici. Grazie a loro c’è la possibilità di salvare una razza in via di estinzione e mantenere i pascoli montani più impervi».

Patrocinio regionale

“La mostra regionale della capra orobica si mantiene sugli ottimi livelli degli ultimi anni precedenti- prosegue Antonio Pasquini -, quest’anno il presidente del Consiglio Regionale della Lombardia Alessandro Fermi  ha conferito alla Mostra il Patrocinio regionale,e grazie all’ impegno del Centro Zootecnico della Valsassina, della Comunità Montana, del comune e della Pro Loco di Casargo , ma soprattutto grazie ai numerosi allevatori  la mostra di Casargo è un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati della Lombardia. Dopo decenni di oblio, un numero sempre maggiore di giovani si sta avvicinando all’agricoltura e all’allevamento delle capre e i consumatori sono molto più attenti all’origine dei prodotti agroalimentari, mostre come quella di Casargo hanno la finalità di incentivare l’allevamento della capra e la cura del territorio, presupposto fondamentale per evitare lo spopolamento delle nostre vallate- conclude il Sindaco di Casargo- e garantire un maggiore rispetto per l’ambiente.

Leggi anche:  Daniele Mencarelli presenta "La casa degli sguardi"

Appuntamento imperdibile

La “Mostra Regionale della Capra Orobica” rappresenta un appuntamento imperdibile, che quest’anno torna con un’edizione ancora più ricca: «Siamo riusciti ad allargare la manifestazione organizzando una serata divulgativa con ospite il professor Michele Corti, che ha spiegato il ruolo sociale della capra – racconta il sindaco di Casargo, Antonio Pasquini -. Inoltre quest’anno abbiamo ricevuto il patrocinio con contributo da parte del Consiglio Regionale della Lombardia. Ora l’unica cosa che manca è una domenica di sole per fare arrivare tanti appassionati e turisti in Alta Valsassina. Negli ultimi anni parecchi giovani si sono avvicinati all’allevamento delle capre e c’è una maggior consapevolezza da parte dei consumatori sull’origine dei prodotti. Ritengo che sia compito delle amministrazioni comunali favorire l’allevamento delle capre e il ripristino dei pascoli come fondamentale presupposto al presidio del territorio». 

Il programma