Nella Chiesa del Pascolo a Calolziocorte, ieri sera,  l’intensa esibizione dei cori Sweet Vocis.

Un successo il concerto dei cori Sweet Vocis

Si è svolta ieri sera a Calolziocorte la straordinaria “Passio Domini Nostri Jesu Christi (Secundum Joannem)” di Francesco Corteccia nella trascrizione per sole voci femminili del maestro Giancarlo Buccino. Sono così cominciati i concerti a favore del coordinamento Telethon Lecco 2018 e quindi per la sezione lecchese di Uildm, come ha ricordato il direttore artistico Michele Casadio, introducendo la serata.

Un’interpretazione intensa e commovente

L’opera è stata interpretata dai cori femminili uniti Sweet Vocis: il coro Vocis Musicae Studium di Oggiono e lo Sweet Suite di Crema, diretti per l’occasione dal maestro Fiorenzo Longoni, braccio destro dello stesso Buccino. La meditazione corale ha riscosso un notevole successo per l’eccellente interpretazione e per la complessità dell’opera che i cori hanno saputo far arrivare al pubblico con grande eleganza.

Una meditazione antica, eppur moderna

La passione di Corteccia segna un momento storico fondamentale. E cioè la volontà di un compositore del ‘500 di arrivare al pubblico popolare in lingua “volgare” (in toscano) e non più solo in latino. I momenti cantati in quest’opera sono inoltre alternati dalla voce narrante che ieri sera è stata affidata alla voce di Marcella Lamberti. Ha colpito soprattutto la modernità di un’opera così antica, datata 1527, come ha sottolineato don Roberto Trussoni, il parroco che ha ospitato l’evento.

Leggi anche:  Calolzio, tanti film all'Auditorium: si parte con "Gli Incredibili 2"

Appuntamento sabato a Barzio

Sempre di grande impatto gli interventi di Renato Milani, coordinatore Telethon Lecco, e di Gerolamo Fontana, presidente Uildm Lecco, che hanno anche posto l’attenzione sulla coincidenza della Giornata nazionale per le malattie neuromuscolari. Si è dato quindi il via ad un altro grande anno di appuntamenti musicali che continuerà sabato prossimo a Barzio. In programma il concerto dal titolo “S’udirono canti lungo il sentiero”, quattro cori che racconteranno in canto la storia della musica alpina.