Incontro con l’autrice Giovanna Rotondo

Rotondo: “Quando lavorare è bello. Lettere dal carcere”

La Biblioteca ha organizzato una serata speciale con l’autrice Giovanna Rotondo che presenterà il suo nuovo libro «Quando lavorare è bello. Lettere dal carcere» con la partecipazione di Alberto Cameroni. L’incontro si terrà martedì 14 novembre alle ore 21 nella Sala Civica di Villa Canali a Civate.

L’autrice è stata tutor in carcere

L’esperienza di lavoro in carcere come tutor è stata, per l’autrice, una delle più significative della sua vita, soprattutto per gli incontri che ha avuto l’occasione di fare, per la particolarità del luogo in cui si è trovata a operare e per la condizione delle persone con cui è entrata in contatto. In questo scritto viene mostrato un mondo che spesso non si vuole conoscere: quello di chi è recluso, raccontando comportamenti e necessità quotidiane simili a quelle di tutti. Un intreccio di storie e di testimonianze umane, ricche di vissuti differenti, con privazioni e sofferenze aggravate spesso dalla consapevolezza di aver trasgredito le regole sociali. Una proposta formativa che ha coinvolto il gruppo di allievi che vi hanno preso parte motivandoli a migliorarsi e a scoprire i propri talenti: un’esperienza sorprendente ed emotivamente densa.

Leggi anche:  Nuovo agente polizia locale a Civate

E’ il terzo libro dell’autrice

Infatti a  distanza di poco più di due anni dalla pubblicazione di “Non è colpa di Pandora. La zona d’ombra delle dipendenze”   (un saggio-racconto su un percorso di terapia di gruppo per i famigliari dei pazienti in trattamento di sostanze che creano dipendenza) e di “Orlando Sora. Artista del Novecento” (una monografia dedicata alla vita e all’opera pittorica dell’artista marchigiano) Giovanna Rotondo ha dato alle stampe nel marzo 2017 “Quando lavorare è bello. Lettere dal carcere. Dice Rotondo: “L’esperienza di lavoro in carcere è stata  una delle più significative della mia vita, soprattutto per gli incontri che ho avuto”.