Una raccolta fondi online per finanziare la realizzazione della nuova biblioteca di Montevecchia, che sorgerà in via del Fontanile. A lanciarla su Facebook, nella giornata di ieri, il sindaco Franco Carminati.

Raccolta fondi online per la biblioteca

Un progetto ambizioso, che costerà quasi 300mila euro, e per il quale si è già ricorsi ad altri metodi curiosi per raccogliere fondi. Con “Arte in officina”, infatti, il sindaco aveva avuto l’idea di esporre e mettere in vendita le opere di alcuni pittori montevecchini, con una formula che destinava parte del ricavato al progetto della biblioteca. Adesso, è il turno di Facebook. Con la raccolta fondi “Costruire cultura/Biblioteca Montevecchia” è nfatti possibile donare una somma per sostenere il progetto. L’obiettivo è il raggiungimento della cifra di 150mila euro. Centomila euro, invece, sono già stati reperiti grazie ad un finanziamento regionale.

La consultazione su Whatsapp

Non è la prima volta che l’Amministrazione di Carminati ricorre ai social per il progetto della biblioteca. Solo un mesetto fa, infatti, aveva fatto votare i cittadini per scegliere la collocazione della nuova struttura utilizzando, oltre che delle tessere cartacee, anche Whatsapp. Un modo utile e moderno per coinvolgere la cittadinanza e cercare di costruire la biblioteca con il contributo di tutti.

Leggi anche:  Forti temporali sul Lecchese: dopo l'esondazione del Bevera a Bulciago si torna alla normalità FOTO

Le parole del sindaco

“Costruire una biblioteca è certamente una sfida economica per il nostro piccolo Comune, ma è anche il segno di una scelta e di un indirizzo di pensiero: investire oggi per la crescita e il domani dei nostri bambini, ragazzi, giovani, senza dimenticare tutti i grandi e grandi adulti. La biblioteca comunale è progettata per essere uno spazio multifunzionale con: area studio, consultazioni libri e giornali, audiolibri, eBooks, sala musica, area conferenza per incontri culturali e di formazione. Il Centro culturale nasce come centro per l’inclusione di ben 405 metri quadri in materiali rispettosi dell’ambiente e inserito in un grande parco” ha spiegato il sindaco Franco Carminati dando il via alla raccolta.