Mancano pochi giorni ormai alla Giornata del verde pulito. La manifestazione, che si ripete ogni anno e che viene organizzata anche ad Osnago, si terrà domenica 7 aprile. L’obiettivo dell’iniziativa, che si terrà anche in molti altri comuni lombardi, è informare e sensibilizzare la comunità riguardo questioni ambientali di rilievo.

Verde pulito a Osnago

Anche il paese di Osnago ha aderito all’iniziativa organizzata con la collaborazione del Csrr (Consiglio sovracomunale dei ragazzi e delle ragazze) e dall’associazione di protezione civile del paese “I falchi”, aggiungendosi ai comuni di Cernusco, Montevecchia e Lomagna. Domenica 7 aprile i partecipanti al progetto dovranno ritrovarsi – si consiglia con un abbigliamento idoneo – di fronte al comune alle 9.30, dove saranno divisi in gruppi e dotati delle opportune attrezzature. Successivamente si occuperanno per l’intera mattinata della pulizia di alcuni luoghi del paese e contemporaneamente, con l’aiuto delle altre amministrazioni comunali, anche di alcune aree del Parco del Curone. Gli organizzatori ringraziano in anticipo chiunque sia intenzionato a partecipare e comunicano inoltre che al termine delle attività, prima di mezzogiorno, offriranno a tutti un aperitivo di ristoro al bar del centro. In caso di maltempo l’evento verrà rinviato alla domenica successiva.

Leggi anche:  Al planetario di Lecco un corso di astronomia... in inglese

L’obbiettivo della manifestazione

I Comuni che aderiscono al progetto, organizzando sul proprio territorio azioni concrete di pulizia e sistemazione di aree verdi, offrono a cittadini, associazioni, gruppi di volontariato e scolaresche l’occasione di partecipare attivamente al recupero di aree nelle quali vivono e trascorrono il loro tempo libero. Un elemento importante per la Giornata del verde pulito è costituito dall’educazione ambientale. Il rapporto con le giovani generazioni e con il mondo degli adulti è un tassello fondamentale per uno sviluppo sostenibile e per far crescere il senso di responsabilità e appartenenza che porta ad attivarsi in prima persona nella difesa del bene comune. L’obbiettivo principale è dunque fare in modo che gli eventi di sensibilizzazione e coinvolgimento delle scuole e dei cittadini come questo si concretizzino in azioni personali volte ad un consumo consapevole e alla formazione di una cultura e di una coscienza ambientale.