Serata di grandi emozioni alla rassegna Monti Sorgenti ieri sera, lunedì. Platea stracolma in sala Ticozzi per ascoltare lo straordinario racconto di viaggio di Stefania “Steppo” Valsecchi.

Una lecchese doc a Monti Sorgenti

Oltre trecento persone hanno ripercorso la traversata da Catania a Capo Nord compiuta  in bici dalla lecchese. “Monti Sorgenti è una preziosa occasione per approfondire la conoscenza di personaggi di Lecco come Steppo” ha detto Alberto Pirovano, presidente CAI Lecco, aprendo la serata. “Maestra elementare, ex imprenditrice, grande sportiva, Steppo incarna le peculiarità dei lecchesi doc, in particolare per la sua caparbietà. In lei si traduce nella capacità di sognare. E sui sogni tratteggiare progetti concreti, che alla fine riesce a realizzare. Non è una qualità comune, non è facile, bisogna faticare e superare molte difficoltà. Ma lei non è una che molla”.

“Apro gli occhi e non sogno”

Steppo Valsecchi, dopo aver ricevuto in dono l’incisione di Bruno Biffi, ha proiettato due filmati, di cui ha curato la realizzazione, il montaggio, la regia. Il primo racconta la pedalata attraverso l’Italia per congiungere le salite di Monte Bianco, Gran Sasso ed Etna nell’estate 2016. Il secondo – il film “Apro gli occhi e non sogno” – la traversata compiuta nel 2017 da Catania a Capo Nord attraverso l’Europa. “Anche stasera apro gli occhi e non sogno” ha detto Steppo davanti al folto pubblico. “Voglio dirvi grazie per essere tutti qui a condividere l’emozione di queste pedalate cariche di amicizia, di incontri, di colori, di fatica e di gioia. Il messaggio che vorrei far passare è che non sempre possiamo scegliere ciò che ci accade. Ma possiamo scegliere come viverlo, realizzando cose straordinarie. Ogni giorno ha il suo miracolo per chi sa darsi da fare”.

Leggi anche:  Calendario Fiocchi 2019, protagoniste le dipendenti

La Scuola sci per non vedenti

Tra aneddoti, filmati, ringraziamenti a chi l’ha sostenuta, Steppo ha condotto la serata con grande spontaneità affascinando il pubblico e ricevendo numerose domande sui suoi viaggi. Chicca finale un bellissimo filmato dell’attività di scuola sci per persone non vedenti, a cui Steppo si dedica da quando aveva 19 anni. In sala erano presenti molte persone incontrate lungo il cammino, diversi sostenitori e personalità istituzionali come il sindaco di Lecco Virginio Brivio.

Giovedì conversazione sul sasso Cavallo

Monti Sorgenti  (qui il programma completo) prosegue giovedì 17 maggio alle ore 18 con la “Conversazione sul Sasso Cavallo, ricordando Marco Anghileri” a cura di Luisa Rota Sperti. L’evento si terrà presso la Sala Conferenze di Confcommercio Lecco in Piazza Giuseppe Garibaldi (e non a Palazzo delle Paure come precedentemente indicato). Ci saranno ospiti d’eccezione che in tempi diversi si sono cimentati con il Sasso Cavallo: Giuseppe Det Alippi, Benigno Balatti, Matteo Della Bordella, Luca Passini, Eugenio Pesci, Matteo Piccardi. I protagonisti si scambieranno ricordi, emozioni, pensieri sulla celebre parete d’arrampicata della Grigna. Modererà l’incontro il giornalista e climber Carlo Caccia.

L’evento avrà come cornice le fotografie di Giuditta Scola, che saranno esposte in sala solo per la durata di questo evento in combinazione con frammenti di disegni di Luisa Rota Sperti e testi tratti da interviste ai due alpinisti: una mostra che sarà collocata al rifugio Tissi, Civetta, per il “Cammina(r)te 2018, nel contesto del gemellaggio Dolomiti/Grigne.