Tutto esaurito al teatro comunale De Andrè di Mandello per la serata dedicata al 73° anniversario della Liberazione dell’Italia. Protagonisti, sabato scorso, la musica e la memoria.

Liberazione tra memoria e musica

Una serata di letture e musica, corale e lirica. Letture dai bollettini parrocchiali di Abbadia del biennio 1943-1945. Dalla autobiografia del partigiano Luca, comandante in Valmeria. Dai ricordi e dal memoriale  inedito di chi nel 1945 abitava alla Maiola. Ma anche una poesia di Pino Bravis, esame di coscienza di una generazione immemore.

Un coro, archi, fiati, un pianoforte e tre voci

La musica è invece stata affidata al Coro Grigna dell’associazione nazionale Alpini di Lecco diretto dal maestro Riccardo Invernizzi. Ma anche agli archi e ai fiati della Scuola di Musica San Lorenzo di Mandello, diretti da Emanuela Milani. Al pianoforte Natalia Nagorna, direttore artistico di Lago di Como in Musica. Protagonisti di eccezione tre artisti concessi dal Coro del Teatro alla scala di Milano, la soprano Roberta Salvati, il tenore Michele Mauro e il basso Luciano Andreoli.

Leggi anche:  Flat Tax e Reddito di Cittadinanza, due temi che affronterà il M5S a Mandello

Grandi applausi e commozione   dal pubblico in platea.