Gremita piazza degli Eroi a Merate, oggi 25 aprile, per celebrare la ricorrenza della Liberazione del nostro Paese al termine della seconda guerra mondiale.

La Liberazione ha ridato dignità all’Italia

Ha preso il via con la santa messa in prepositurale il 74esimo anniversario della Liberazione. Don Luigi Peraboni ha più volte sottolineato l’importanza di diffondere e consolidare il valore della Pace in un periodo storico in cui odio, violenza e totalitarismi sembrano riprendere il sopravvento. Al termine della celebrazione si è tenuto tradizionale corteo verso il centro cittadino. Preceduta dalla Banda Sociale Meratese, la folla ha raggiunto piazza degli Eroi. Evidente l’assenza dei giovani studenti delle scuole cittadine che negli ultimi anni, accompagnati dai loro insegnanti, hanno impreziosito la ricorrenza.

Ultimo discorso pubblico del sindaco Massironi

In piazza degli Eroi, il primo cittadino Andrea Massironi ha deposto la corona d’alloro ai piedi del Monumento ai caduti. Essendo a fine mandato è stata quindi l’ultima cerimonia ufficiale del 25 aprile cui ha presenziato in veste di sindaco. “In molti hanno combattuto e sono morti per la Liberazione. Perché lo facevano? Coraggio, senso del dovere, principi morali, umanità – ha spiegato – tante furono le motivazioni. Al centro di ognuna la volontà di ridare dignità all’Italia”.