Restyling completo per villa Confalonieri. Il sogno è quello di riportare una delle più affascinanti dimore storiche di Merate all’originaria bellezza con occhio attento alle nuove esigenze della città. «Leggere la musica. Ascoltare il libro» il titolo della tesi di laurea prodotta a tre mani tra il 2015 e il 2016.

Villa Confalonieri. Dall’abbandono ad una possibile rinascita.

«La tesi è nata qui a Merate. Quando fai una ricerca devi cercare qualcosa di interessante. La diatriba su villa Confalonieri è da molti anni una costante, praticamente a partire dalla fine del secondo mandato di mio padre (l’ex sindaco Dario Perego) – ha spiegato Elia – Quando avevo otto anni entravo in quegli ambienti ed era tutto bello e curato. Ora purtroppo è abbandonata. Sono di Merate e conosco bene la situazione. Ecco che ho deciso di affrontare questa ricerca e di coinvolgere due grandi amici e colleghi universitari. L’idea di tutto penso sia sorta, per caso, parlando con l’attuale sindaco Andrea Massironi. Sicuramente una grande sostenitrice è stata Giusy Spezzaferri che ha sempre creduto in una forte rivalutazione dello stabile».

Leggi anche:  "Portavamo il sacco", in Comune a Lecco il docufilm di Riccardo Maffioli

Il servizio completo sul Giornale di Merate in edicola da oggi martedì 8 gennaio 2019.