Il gemellaggio con i francesi di La Roche Posay si è tenuto nel fine settimana a Missaglia. Una grande festa di fratellanza che va avanti da ben 19 anni.

La Roche Posay e Missaglia, un unico cuore

Si sono conclusi domenica scorsa i festeggiamenti per il 19º anniversario del patto di fratellanza che unisce il comune di Missaglia con quello francese de La Roche Posay. Circa 60 gemelli francesi sono arrivati, infatti, venerdì sera in paese dove sono stati accolti con gioia dalla comunità brianzola. Sabato gli ospiti hanno fatto visita alla città di Cremona per poi rientrare in serata a Missaglia per il gran concerto dei cori Brianza e Trois Rivières al Monastero della Misericordia. Le vere e proprie celebrazioni si sono tenute però domenica 1º ottobre con l’inizio della Messa in chiesa parrocchiale animata dal coro francese. Nel pomeriggio invece, dopo il pranzo comunitario a Lomaniga, i cugini francesi si sono recati ad Imbersago, per ammirare il famoso traghetto progettato da Leonardo Da Vinci, concludendo poi la sera con una cena al ristorante dell’hotel Redaelli a Barzanò.

Leggi anche:  Da Lecco e Pechino: 50 giorni sulla via della seta

Un patto di fratellanza

“Siamo orgogliosi di questo gemellaggio, ormai anno dopo anno le nostre comunità si fondono sempre di più” ha spiegato il sindaco missagliese Bruno Crippa. Che ha poi annunciato: “L’anno prossimo festeggeremo 20 anni di gemellaggio e per questa occasione pensavamo di coinvolgere anche le scuole”. Un progetto interessante e sostenuto anche dal dirigente scolastico Dario Crippa, che permetterebbe quindi agli alunni di ammirare le bellezze di La Roche-Posay nonché di approfondire la lingua francese.