Gremita la chiesa dell’oratorio di Merate nella serata di domenica 23 dicembre. Tanti gli atleti dell’Osgb Merate che si sono dati appuntamento per scambiarsi gli auguri di Natale insieme agli allenatori, al direttivo e ai sacerdoti don Luigi Peraboni e don Luca Rognone.

E’ Dio la vera luce del Natale

“Siamo ormai vicini al Natale. L’antipasto spirituale che vorrei darvi, dato che dopo mangeremo tutti insieme, è la luce – ha detto il prevosto di Merate don Luigi Peraboni – Al buio, lo sappiamo, non ci si vede e non si riesce a mangiare. L’antipasto della luce è quello che ci permette di capire come la presenza di Dio nella nostra vita sia fondamentale. Al buio saremmo cechi. Non a caso, tutte le mattine aspettiamo che il sole sorga. Facciamo davvero illuminare la nostra vita dalla luce di Dio”. La serata ha poi visto un piacevole apericena rivolto a tutti i presenti preparato dai volontari della cucina e del sodalizio sportivo.

Si vince o si perde. Conta dare il massimo

Presente all’appuntamento anche l’assessore allo sport Maria Silvia Sesana, che ha portato i saluti e gli auguri dell’Amministrazione comunale di Merate, e il consigliere Fabio Tamandi. “Sono contento di vedere la chiesa piena. In questi sei mesi il nuovo direttivo ha cercato di lavorare al meglio pur sapendo di poter sbagliare – ha commentato Emilio Colombo, presidente dell’Osgb Merate – Non ci si tira indietro di fronte ad iniziative di solidarietà. Non ci si tira indietro nemmeno nell’educare i nostri ragazzi tanto alla gioia della vittoria quanto alla tristezza della sconfitta. Perché in campo è così: si vince o si perde. Ma quello che conta è dare il massimo insieme agli altri”.

Leggi anche:  "Tribal city" in Piazza Garibaldi per il "Rebirth day"