Fine settimana ricco di eventi a Lecco. Ma Anche sul Lago. In città ultimo week end per indossare i pattini e divertirsi sulla pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Garibaldi. E per chiudere “in bellezza” domenica pomeriggio alle 15.00 verranno servite ai pattinatori cioccolata calda e chiacchiere. Un modo quindi  davvero dolce  per accogliere il Carnevale, che in città inizierà domenica prossima 11 febbraio.

Eventi a Lecco: oggi grande musica

Alle 16.00, al Teatro Cenacolo Francescano, per la rassegna Operetta de “Il Teatro della Società è in città”, andrà in scena “Sul bel Danubio blu” con musiche di Johann Strauss. Regia di Corrado Abbati, direzione musicale di Marco Fiorini. Le coreografie sono invece  di Giada Bardelli e  la produzione della Compagnia Corrado Abbati.

Domani, domenica

A Colico dove gli Alpini ricorderanno il 75° della battaglia di Nikolajewka. Le celebrazioni inizieranno alle 9.30 con ammassamento in piazza Roma e l’alzabandiera in piazza 5° Alpini. Quindi la sfilata e, a seguire, la messa in suffragio ai Caduti.  Sarà  celebrata  alle 10.30dal vescovo emerito di Lodi monsignor Giuseppe Merisi. Verrà accompagnata dal coro “Musica Viva”.

Leggi anche:  Con la testa all'insù: ecco gli appuntamenti di stasera a Lecco VIDEO

Battaglia di Nikolajewka

La battaglia di Nikolaevka, combattuta il 26 gennaio 1943, fu uno degli scontri più importanti durante il caotico ripiegamento delle residue forze dell’Asse nella parte meridionale del fronte orientale durante la seconda guerra mondiale, a seguito del crollo del fronte sul Don dopo la grande offensiva dell’Armata Rossa iniziata il 12 gennaio 1943 (offensiva Ostrogorsk-Rossosc). Gli ultimi resti delle forze italo-tedesche-ungheresi, provate, oltre che dai combattimenti, dal gelido inverno russo, si ritrovarono ad affrontare alcuni reparti dell’Armata Rossa, asserragliatisi nel villaggio di Nikolaevka per bloccare la fuga dalla grande sacca del Don: nel corso dei mesi precedenti, le forze sovietiche avevano già accerchiato la 6ª Armata tedesca a Stalingrado (operazione Urano) e sbaragliato completamente le armate rumene e gran parte dell’8ª Armata (operazione Piccolo Saturno), aprendo grandi varchi nelle precarie linee difensive nemiche.