Sono già 3000 le prenotazioni arrivate a poco  dall’apertura della 17a edizione di “Ville Aperte in Brianza”: 1200 in più dello scorso anno.

Ville Aperte in Brianza: boom di prenotazioni per il primo weekend

Grande successo di prenotazioni per Ville Aperte in Brianza, al via questo fine settimana. La manifestazione, che propone visite guidate alla riscoperta del sorprendente patrimonio culturale della Brianza presenta una edizione ricca di novità, progetti speciali ed itinerari tematici con focus su “Leonardo, l’acqua e la Brianza” per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci.

Il programma del fine settimana

Per il fine settimana del 14 e 15 settembre sono previste quarantatré aperture, i tre itinerari i quattro progetti speciali, che hanno come protagonisti siti pubblici e privati. Visitabili ville, palazzi, parchi e giardini, chiese e musei distribuiti nei territori lecchesi monzesi, comaschi, unitamente a quelli del nord di Milano e per il secondo anno consecutivo della provincia di Varese.

Come prenotare

Partecipare a Ville Aperte 2019 è facile. È possibile prenotare attraverso il sito web www.villeaperte.info  tutte le visite guidate e la partecipazione agli eventi. Il costo del biglietto è di 4 € a persona, con eccezioni e sconti in base ai singoli beni. L’accompagnamento alla visita è curato anche da guide abilitate e da associazioni culturali, non mancano progetti che prevedono il coinvolgimento degli studenti del territorio. È attiva anche una infoline dedicata alla manifestazione: il personale dedicato risponderà al numero 039/9752251.

Nel Lecchese

In provincia di Lecco sono coinvolti 23 soggetti pubblici e privati che apriranno le porte della cultura con 38 beni fruibili da visitatori desiderosi di conoscere alcuni dei più significativi siti storico-artistici del territorio lecchese. Il ricco patrimonio della Brianza lecchese con ville, parchi, giardini, chiese e dimore storiche, in numerosi casi chiusi al pubblico, aprirà i battenti deliziando i visitatori.

Leggi anche:  Circa 1500 iscritti alla camminata Tutti assieme a Merate FOTO

L’iniziativa prevede le tradizionali visite guidate ed eventi culturali che spaziano tra arte, teatro, musica e molto altro ancora, strettamente connessi alla valorizzazione del patrimonio culturale lecchese. Dopo il successo delle passate edizioni, Villa Monastero di Varenna, gioiello inestimabile del territorio provinciale, è stata inserita tra i beni visitabili, anche se non appartiene all’area della Brianza, così come, novità di questa edizione, l’Orrido di Bellano, gola naturale in cui è possibile percorrere un breve tratto utilizzando delle passerelle infisse nella roccia.

Ecco tutti i gioielli da scoprire in provincia di Lecco

ABBADIA LARIANA
Civico Museo Setificio Monti

ANNONE DI BRIANZA
Chiesa Parrocchiale
Villa Giani
Sant’Ubaldo alla Fornace
Villa Cabella

BELLANO
Orrido

CASATENOVO
Chiesa di Santa Giustina
Chiesina di Santa Margherita
Villa Mapelli Mozzi
Villa Greppi di Bussero

CASSAGO BRIANZA
Cittadella Agostiniana
Mausoleo Visconti di Modrone
Itinerario cittadella agostiniana

CIVATE
Complesso Romanico di San Pietro al Monte
Complesso di San Calocero
Casa del Pellegrino

CREMELLA
Villa del Bono

GALBIATE
Giardini di Villa Bertarelli

GARBAGNATE MONASTERO
Chiesa dei Santi Nazario e Celso

GARLATE
Civico Museo della Seta Abegg

LA VALLETTA BRIANZA
Oasi di Galbusera Bianca

MERATE
Villa Confalonieri
Gipsoteca (Fondazione Giuseppe Mozzanica)
Convento di Sabbioncello

MISSAGLIA
Villa Sormani Marzorati Uva

MONTEVECCHIA
Santuario Beata Vergine del Monte CarmeloVilla Agnesi Albertoni
Villa Vittadini

MONTICELLO BRIANZA
Villa Greppi (Consorzio Brianteo Villa Greppi)

OGGIONO
Villa Sironi
Itinerario l’Oggiono di Marco, allievo di Leonardo (Casa natale di Marco D’Oggiono e Chiesa di Sant’Eufemia)

OLGIATE MOLGORA
Villa Sommi Picenardi

PADERNO D’ADDA
Santuario della Madonna della Rocchetta

SANTA MARIA HOE’
Villa Semenza

SIRTORI
Villa Besana

VALMADRERA
Centro Culturale Fatebenefratelli e Orto Botanico

VARENNA
Villa Monastero

VERDERIO
Chiesa dei Santi Giuseppe e Floriano