Appuntamento per venerdì 6 dicembre alle 20.45 nella sala civica del Comune di Caprino Bergamasco con il giornalista Daniele Biacchessi per parlare di Marco Nozza.

Daniele Biacchessi racconta Marco Nozza

Venerdì 6 dicembre, alle ore 20.45 appuntamento imperdibile al municipio di Caprino Bergamasco. Daniele Biacchessi (scrittore, giornalista e autore) parlerà del giornalista caprinese Marco Nozza, scomparso da 20 anni. La serata è stata organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune e dalla biblioteca civica. Ci sarà anche l’intervento di Gianluca Baio.

Biografia

Marco Nozza

Nozza è nato a Caprino Bergamasco il 28 novembre 1926. Studente al Collegio di Celana, laureato in lettere classiche,  ha iniziato a lavorare per il quotidiano “L’Eco di Bergamo”. Nei primi anni Sessanta è approdato a “L’Europeo”. Nel 1966 è diventato inviato del “Giorno” di Italo Pietra. Il 12 dicembre 1969 a Milano, è tra i primi ad arrivare alla Banca dell’Agricoltura dopo l’esplosione della bomba. Da allora Marco Nozza, è stato realmente quel testimone che per anni e anni ha cercato di capire cosa davvero fosse successo nel nostro paese. È morto il 14 maggio 1999 a Milano. Era un cronista di strada e un divulgatore di storia italiana.

Leggi anche:  Giornata della Memoria: ad Imbersago "Antisemita, chi?"

“Controllare qualsiasi notizia, personalmente, mi veniva naturale, così come controllare le veline. Anche la velina è una notizia, indipendentemente dal suo contenuto. L’importante è scoprire come nasce, la velina. E chi la fa nascere. E perché. E a chi è destinata. Che giornalista è uno se non tenta di vedere cosa c’è dietro (anche dietro una velina)?”.