Si terrà Domenica 2 giugno 2019 la tappa forse più suggestiva tra le dodici uscite proposte nel 2019 dall’Associazione Cammino di Sant’Agostino per celebrare la memoria leonardesca, muovendosi a piedi sul Sentiero di Leonardo: sui luoghi lombardi da lui visitati e sovente riprodotti in opere celeberrime.

Da Imbersago a Lecco a piedi lungo l’Adda, tra la Divina Proporzione e Monna Lisa

La partenza avverrà dal Santuario della Madonna del Bosco a Imbersago alle 9.30: si scenderà la lunga scalinata per raggiungere la vicina Chiesa Romanica dei SS. Gottardo e Colombano, collocata ad Arlate su una collina che sovrasta la valle dell’Adda. L’edificio era l’antica sede della comunità di monache benedettine dipendenti dall’abbazia di Pontida e la sua edificazione risale ai primi del 1100. Lonardo da Vinci, incaricato da Ludovico il Moro di risolvere il problema della navigazione sull’Adda dal Lago di Como sino a Milano, percorse e studiò a più riprese dal 1482 al 1499 e dal 1505 al 1511 del fiume a questa altezza del suo corso, a monte delle rapide abduane di Paderno d’Adda e non potette non notare questo edificio Cluniacense, che si ergeva già in epoca medievale del tutto solitario a pochi metri dal fiume. Leonardo, vero appassionato e a lungo studioso della Sezione Aurea (la cosiddetta “Divina Proporzione”), notò sicuramente i pervasivi riferimenti a questo arcano numero presenti nella facciata, a partire dal famoso “pentacolo”, che riportò in sue opere e disegni (in particolare, nel celeberrimo “Uomo Vitruviano”).

L’alzaia dell’Adda

Da qui la camminata si svolgerà lungo l’alzaia dell’Adda, risalendolo passando dal borgo di Brivio sino a una seconda notevole testimonianza dello stile Romanico lungo il fiume: il Monastero e il Santuario di Santa Maria del Lavello a Calolziocorte.

Leggi anche:  Si è conclusa tra gli applausi la rassegna "Estate musicale ervese" FOTO

Il territorio del Lavello, che si estende sulla riva sinistra del fiume Adda ai piedi dei monti della Valle San Martino era già abitato in epoca romana, almeno dal I-II secolo d.C., datazione di un’epigrafe incisa su una lastra di marmo dedicata alla dea Diana rinvenuta a Lorentino, frazione di Calolziocorte.

Lecco

 

Dopo il pranzo al sacco in questo splendido luogo, la camminata proseguirà nel pomeriggio sempre lungo il fiume Adda passando per la storica località di Pescarenico sino a raggiungere la Città di Lecco, nella quale il principale riferimento leonardesco è il Ponte Azzone Visconti (quasi certamente raffigurato nella Gioconda) e il contesto montano che circonda il lago la città lecchese (le Grigne e il San Martino in primis), raffigurato da Leonardo da Vinci in molteplici suoi Codici e – sempre quasi certamente – nel paesaggio retrostante la sua “solita” Monna Lisa. Il rientro al punto di partenza a Imbersago sarà garantito dalla presenza di un autobus a noleggio, con ritrovo al Ponte Nuovo di Lecco alle ore 17:00. Salvo il costo di noleggio del bus, la partecipazione è gratuita per coloro che hanno già provveduto alla copertura assicurativa delle 12 uscite del 2019 (10 Euro).

Per iscrizioni e informazioni: info@camminodiagostino.it
Associazione Cammino di Sant’Agostino
www.camminodiagostino.it
Contatto: 348.4527583