Cosa fare a Lecco: ecco gli eventi del week end  da segnare in agenda.

LEGGI ANCHE Mercatini di Natale: dove trovarli nel week end

Stasera

Questa sera alle 21 si terrà la conferenza “La Terra non gira… oh bestie! Il terrapiattismo da Omero al gelataio Paneroni” a cura di Loris Lazzati del gruppo astrofili Deep Space.

Cosa fare a Lecco sabato

Alle 16.30 presso la Chiesa di Santa Marta in Via Mascari a Lecco si terrà il concerto “Aspettando il Natale” con il coro di voci bianche di Bergamo “Goccia dopo goccia”, organizzato dal Rotary Club Lecco Manzoni.

In via Ca’ Rossa 17 a Lecco l’Associazione di Volontariato “Don Luigi Monza” inaugura la mostra che raccoglie i lavori eseguiti durante il Laboratorio di Volontariato “Punto dopo Punto” rivolto a ragazze disabili.  La mostra sarà visitabile fino a domenica 15 dicembre.

Alle 17.30 presso il polo museale Palazzo delle Paure in piazza XX Settembre si terrà l’inaugurazione della 9^ edizione della Mostra di Presepi e Diorami, allietata dai canti del Coro Alpino Lecchese.

Alle 19 presso il ristorante Granozero di corso Promessi Sposi 14 a Lecco e mercoledì 4 dicembre alle 19 presso la Pizzeria 2001 di via Perazzo 8 a Lecco si terranno le due cene all’insegna della solidarietà, per contribuire all’acquisto di un “pasto sospeso” per persone in difficoltà.

Alle 21 presso la basilica di San Nicolò a Lecco si terrà il “Concerto di San Nicolò. Parole di fede: voci e suoni dalla polifonia europea” con l’Accademia Corale di Lecco diretta dal maestro Antonio Scaioli con Massimo Borassi all’organo.

Mostra di presepi

Sabato alle 17.30 presso il polo museale Palazzo delle Paure in piazza XX Settembre si inaugura la 9^ edizione della tradizionale Mostra di Presepi e Diorami. Allietata dai canti del Coro Alpino Lecchese sarà seguita da un piccolo rinfresco offerto dagli organizzatori. Allestita dalla sede di Lecco dell’associazione italiana Amici del Presepio in collaborazione con il SiMUL, l’esposizione si prefigge lo scopo di offrire ai visitatori una rassegna delle migliori opere realizzate dai maestri presepisti del nord Italia che coltivano e tramandano una tradizione religiosa e popolare dalle mille sfaccettature. Oltre ai presepi a cielo aperto e ai diorami quest’anno ci sarà una sezione dedicata ai presepi di carta, tradizione nata in Italia tra la fine del ‘700 e l’inizio del ’800 che si è molto ridimensionata nel nostro paese trovando però terreno fertile nei paesi mitteleuropei. Sarà esposta una collezione di 20 pezzi generosamente messa a disposizione dall’appassionato Luca De Ascentis di Tremezzina con opere che vanno dalla metà del XIX secolo fino ai giorni nostri. La mostra sarà visitabile dal 1° Dicembre fino al 12 gennaio negli orari di apertura del museo, saranno inoltre organizzate tre aperture straordinarie il 26 dicembre, 1 gennaio e 6 gennaio dalle 14 alle 19.

Leggi anche:  Tintoretto porta il nome di Lecco in tutta Italia

Cosa fare a Lecco domenica

Domenica 1 dicembre dalle 8 alle 19 in viale Dante saranno allestite le bancarelle di Natale.

Al planetario alle 16 si terrà la proiezione in cupola “Il cielo di dicembre”.

Fino a domenica 1 dicembre il Monumento ai Caduti sul Lavoro di Largo Caleotto sarà illuminato di blu per aderire alla Giornata Internazionale di “Cities For Life” Città per la Vita – Città contro la Pena di Morte, promossa dalla Comunità di Sant’Egidio contro la pena di morte.

Mostre

Ultimo fine settimana per visitare la mostra “Arturo Bonanomi. Tra lago e monti”: la Torre Viscontea ospita le opere dell’artista lecchese dedicate al nostro territorio, scorci paesaggistici di montagne, vallate, antichi borghi e vedute del lago. La mostra sarà visitabile fino a domenica 1° dicembre dalle 15 alle 18.

I Macchiaioli. Storia di una rivoluzione d’arte: l’esposizione a Palazzo delle Paure ripercorre le vicende del movimento artistico che ha rivoluzionato la storia della pittura italiana dell’Ottocento, attraverso oltre 60 opere dei suoi maggiori esponenti, da Telemaco Signorini a Giovanni Fattori, da Giuseppe Abbati a Silvestro Lega, da Vincenzo Cabianca a Raffaello Sernesi, a Odoardo Borrani. La mostra sarà visitabile fino a domenica 19 gennaio dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 19, il sabato, la domenica e festivi dalle 10 alle 19, chiusa il lunedì.