Nel quadro delle iniziative culturali proposte dall’assessorato alla cultura retto da Matteo Colombo e dalla biblioteca di Valgreghentino, ieri, mercoledì 6 febbraio,  in biblioteca  a Valgreghentino, il pubblico presente ha avuto la possibilità di “scoprire” o riscoprire il genio enigmista lecchese grazie a Giorgio Spreafico. Lo scrittore infatti, introdotto da Andrea Perego, ha presentato la sua ultima fatica letteraria ovvero “L’uomo delle parole incrociate”.

LEGGI ANCHE  “L’uomo delle parole incrociate” era un lecchese

Alla scoperta del genio enigmista lecchese con Giorgio Spreafico

Dopo la fiammata di notorietà postuma che  lo ha investito, merito specialmente di Angelo Zappa, fondatore e direttore della “sfinge manzoniana” che alla fine degli anni 50 ha rivendicato per il lecchese la paternità delle parole crociate, Giuseppe Airoldi è tornato nel mondo dei “chi era costui”. Cercare di sottrarlo all’oblio è stata la molla che ha spinto Giorgio Spreafico a scrivere “L’ uomo delle parole incrociate” , opera dedicata a quello che per lui è stato il più grande enigmista, suo padre Luigi.

 

Un romanzo dal quale traspare l’amore per Lecco

Si tratta di un romanzo modellato sullo scheletro di una ricerca storica che ha richiesto quasi tre anni di impegno. Nel romanzo si muovono solo persone realmente esistite, con quel nome, con quel ruolo, in quei tempi. E’ un viaggio nel passato che come guida ha i rompicapi pubblicati alla fine dell’ ottocento. Un percorso decennale che porta l’ Airoldi alla sua invenzione che si intreccia con le vicende di Lecco (città per la quale traspare l’ amore dell’ autore): la cultura, i progetti, le battaglie sociali, i primi scioperi. Cercando di “entrare nella testa e nelle scarpe” dei protagonisti Giorgio Spreafico ha affermato di unire con l’ immaginazione i fatti certi, “incanalando verosimili pezzi di vita facendoli sgorgare come premessa o come conseguenza da circostanze reali”.

Leggi anche:  Matteo Della Bordella protagonista a Df Sport Specialist

Le prossime iniziative

Una serata in cui l’ autore, specialmente noto per i libri sulle vicende della montagna (“Enigma Cerro Torre”, “Torre Egger solo andata” per citarne solo alcuni) , ha conquistato i presenti anche nella veste di romanziere. Per l’incontro  Andrea Perego ha ricordato le prossime iniziative proposte da Valgreghentino tra cui la visita guidata al Memoriale della Shoah e un corso di storia dell’arte dedicato ad alcuni degli artisti più controversi del Novecento ad oggi: Jackson Pollock, Andy Warhol e Banksy. Ad ogni lezione è connessa un’attività che valorizza e completa la conoscenza dell’artista!