Sabato 25 maggio le imbarcazioni a remi tipiche di Venezia solcheranno le acque del nostro lago per la manifestazione “Una Gondola a Lecco”, un’iniziativa organizzata dal Gruppo Manzoniano Lucie in collaborazione con il Comune di Lecco e nata dal gemellaggio siglato dal sodalizio lecchese con la Canottieri Cannaregio e la Canottieri Mestre in occasione della partecipazione delle imbarcazioni del Gruppo Manzoniano Lucie alla “Vogalonga”, la regata internazionale di imbarcazioni a remi che si tiene ogni anno a Venezia.

Accoppiata vincente: sul lago di Lecco sfilano le Lucie e le gondole

Sabato 25 maggio dalle 15.30 alle 18.30 verrà proposto un nuovo “gemellaggio del remo” questa volta nel golfo di Lecco del Lago di Como dove, le locali Lucie del Gruppo Manzoniano Lucie, sfileranno insieme ad alcune imbarcazioni tipiche veneziane, tra cui una gondola che, da venerdì 24 resterà in mostra, ormeggiata nei pressi della piattaforma galleggiante sul lungolago di Lecco.

La manifestazione sarà un’occasione unica per cittadini e turisti per fare dei brevi tour sia sulle Lucie che sulla Gondola e le tipiche imbarcazioni veneziane, e apprezzare il nostro lago a bordo di queste caratteristiche imbarcazioni. Parteciperanno alla manifestazione anche altri mezzi di trasporto acquatici “green” come le waterbike e i “lecchesi” skivass, progettati proprio da Pietro Vassena negli anni Trenta.

Il Gruppo Manzoniano Lucie

“Questa bella iniziativa si inserisce nel solco della valorizzare delle tradizioni del nostro lago – sottolinea l’assessore al turismo del Comune di Lecco Francesca Bonacina. Il Gruppo Manzoniano Lucie custodisce queste tradizioni e le traduce in eventi, manifestazioni e momenti in grado di avvicinarle a cittadini, visitatori e turisti. Un grazie di cuore al Gruppo e a tutti coloro i quali hanno reso questo gemellaggio possibile”. Il commento del presidente del sodalizio, Andrea Vigevano: “Il Gruppo Manzoniano Lucie, che da anni si occupa di valorizzare l’immagine delle “Lucie”, è orgoglioso di aver potuto siglare questo gemellaggio con la Canottieri Cannaregio e la Canottieri Mestre, maestre di “voga alla veneta”, la tipica voga in piedi che caratterizza le Lucie, offrendo a tutti i cittadini lecchesi la possibilità di vedere sfilare assieme le “Lucie” con le tipiche imbarcazioni veneziane sulle acque del nostro bellissimo lago. Crediamo che il poter ammirare queste uniche e bellissime imbarcazioni, e perché no, fare un tour in Gondola, sia un’occasione unica che speriamo venga apprezzata e possa lasciare a tutti il piacevole ricordo di una giornata rivolta a rafforzare l’amicizia che lega da secoli il nostro territorio con Venezia. Il nome proprio originario di quella che è oggi nota come “Lucia” è “Batèll”, una delle più antiche imbarcazioni lariane, creata appositamente da maestri d’ascia veneziani nei secoli scorsi e capace di connotare inequivocabilmente il nostro territorio.

Leggi anche:  Silea porte aperte per una giornata dedicata all'ecologia e alla sostenibilità

 

Così come il tipico “Ferro” delle gondole veniva forgiato a Premana. Pertanto le Lucie si possono definire “cugine” di fatto delle imbarcazioni tipiche veneziane, e questo “gemellaggio del remo” vuole essere il sigillo di questo stretto rapporto secolare tra il nostro territorio e la Serenissima E’ stato un progetto ambizioso, non di semplice realizzazione anche da un punto di vista della logistica, a partire dal trasporto della gondola e delle altre imbarcazioni veneziane qui a Lecco, e desideriamo ringraziare sentitamente tutti coloro che ci hanno aiutato e hanno collaborato con entusiasmo alla sua realizzazione, tra cui gli amici veneziani, il Comune di Lecco e le Amministrazioni Pubbliche, le Canottieri, le Associazioni, gli Enti e le Imprese private.Infine invito tutti a partecipare con noi a questo particolare e importante gemellaggio del remo, accogliendo con un caloroso saluto e una fraterna stretta di mano gli amici veneziani e le loro meravigliose imbarcazioni. Ci vediamo a bordo!”.

In caso di maltempo la manifestazione sarà posticipata a domenica 26 maggio dalle 10 alle 12.