Domenica 14 gennaio alle 17.30 nella Chiesa di Santa Marta a Lecco, la tradizionale messa in latino in rito ambrosiano antico sarà celebrata da don Paolo Ventura. Sarà accompagnata da un significativo programma di musiche a due voci e organo.

Messa in latino

La messa è quella della seconda domenica dopo l’Epifania.  E’ celebrata in latino  nella forma della messa con cantici; le lezioni e il Vangelo sono lette in italiano. I pezzi cantati sono eseguiti da due giovani cantanti lecchesi. Si tratta del mezzosoprano Dyana Bovolo, ormai attivamente presente in eventi musicali di rilievo in Italia, e il soprano Paola Galli, che studia canto presso la scuola musicale di Villa Gomes. All’organo suona Stefano Piva. Nel corso della liturgia intoneranno musiche di Haendel, Grancini, Franck, Faurè, Perosi, impaginando una preziosa sequenza di canti sacri composti in un arco cronologico che va dal XVIII al XX secolo.

La tradizione

Nella liturgia ambrosiana, il tempo dopo l’Epifania prolunga l’eco del ciclo natalizio, ricordando l’opera divina dell’Incarnazione.  Infatti la seconda domenica propone il Vangelo delle Nozze di Cana: è il primo miracolo di Gesù, già ricordato nell’Epifania fra le prime manifestazioni del Signore al mondo.

Leggi anche:  Arcobaleno, meraviglia della natura sopra il Lecchese FOTO

Dyana Bovolo

Il mezzosoprano Dyana Bovolo, che canterà nel corso della celebrazione, nata a Lecco, si è esibita in numerose occasioni come solista nel repertorio sacro, da camera e lirico presso importanti istituzioni musicali. Nel giugno 2016 ha cantato in concerto solista presso il Teatro Carlo Felice di Genova e dal vivo su Radio3. Ha conseguito il premio speciale Maria Malibran nell’edizione 2017 del concorso lirico internazionale “Malibran”. Nel maggio 2017 ha sostenuto il ruolo di Cherubino nelle “Nozze di Figaro” di Mozart presso il Teatro della Società di Lecco, Teatro SOMS di Caldana, Teatro del Casinó di San Remo e Opera Giocosa – Teatro di tradizione di Savona. Ha inoltre debuttato nella prima esecuzione in epoca moderna dell’opera  “La secchia rapita” di J. Burgmein (G. Ricordi) presso l’Auditorium di Milano con l’orchestra sinfonica LaVerdi.

Paola Galli

Il soprano Paola Galli studia presso il Civico Istituto Musicale “G. Zelioli” di Lecco; lo scorso anno ha debuttato nel ruolo di Barbarina nelle “Nozze di Figaro” di Mozart; canta inoltre nel Laboratorio Polifonico “G. Carissimi” dell’Istituto Zelioli.