Il gelato artigianale italiano è un patrimonio da difendere. Un bene della nostra gastronomia da proteggere con ogni mezzo. Per questo la FIPE, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ha provveduto a predisporre un Codice di autoregolamentazione della produzione e somministrazione del gelato tradizionale italiano artigianale. Un documento che la Federazione di categoria si è sentita in dovere di redigere per difendere il gelato artigianale anche in seno alla Comunità Europea. Un documento nato per controbattere a un’analoga proposta spagnola di disciplinare sul “Gelato Artigianale”. In rappresentanza di oltre 20mila esercizi che producono gelato artigianale in Italia, la FIPE ha inteso tutelare il prodotto particolarmente dagli attacchi della grande industria. Attacchi sempre più articolati ad opera di produttori che hanno più di una volta dimostrato di non puntare alla qualità ma solo alla quantità.

La salvaguardia del gelato artigianale

Aziende alimentari che sono sempre più diffuse e che iniziano a rappresentare un serio pericolo per chi custodisce il patrimonio di cultura artigianale del settore. Proprio per procedere alla difesa della qualità del gelato artigianale il regolamento predisposto dal FIPE prevede la salvaguardia di tre caratteristiche fondamentali: la libertà e la fantasia del gelatiere nella scelta della ricetta e dei dosaggi nel rispetto della genuinità degli ingredienti, dell’evoluzione dei gusti dei consumatori e dell’evoluzione tecnologica delle forniture; la provata professionalità dell’operatore intesa come preparazione tecnica adeguata, rispetto delle norme igienico-sanitarie, cultura dell’ospitalità; la corretta informazione del consumatore sui contenuti dell’offerta. Varie e rigorose le caratteristiche che devono contraddistinguere il prodotto artigianale.

Leggi anche:  Birra artigianale italiana, arriva il primo marchio a tutela

Partiamo da ingredienti freschi

Prima di tutto occorre che il gelato sia preparato in modo assolutamente genuino; è necessario poi che gli ingredienti siano sempre freschi; non si deve effettuare insufflazione meccanica d’aria nel prodotto; il latte deve essere rigorosamente pastorizzato fresco. Inoltre è necessario che manutenzione, pulizia e sanificazione delle attrezzature siano certificate, come è necessario che siano certificati anche i fornitori. Professionalità, personale qualificato, ambiente e servizio, informazione del consumatore completano il quadro descrittivo di chi è produttore di gelato artigianale e del gelato stesso.

Un prodotto sempre nuovo

L’obiettivo, ovviamente è quello di invogliare la clientela ad acquistare sempre più gelato, ad apprezzarne il sapore e le caratteristiche nutrizionali. Del resto che il gelato sia uno degli alimenti più completi e buoni, non è una novità. E, oltretutto, grazie alla fantasia dei gelatieri italiani è anche un prodotto sempre nuovo. Nuovi gusti che fanno del gelato artigianale un prodotto antico ma originale, sempre in grado di regalarci una piacevole pausa in ogni momento della giornata.