Varenna, la sala consiliare intitolata a Giorgio La Pira.

L’intitolazione a Giorgio La Pira

Avrà il nome di Giorgio La Pira la sala consiliare di Varenna. Nei giorni scorsi il consiglio comunale ha votato l’intitolazione del locale al politico democristiano, sindaco di Firenze tra anni Cinquanta e Sessanta e padre costituente. Una figura che fu promotrice di pace tra le più attive del Novecento italiano. «L’Amministrazione ha scelto di onorare la sua figura in questo modo, dando alla memoria di La Pira un luogo che porta il suo nome, nel paese che aspira a diventare un centro di dialogo e scambio multiculturale e pacifico tra i popoli», spiega il sindaco Mauro Manzoni.

L’opera di Lucia Pescador

Prima dell’inizio della seduta consiliare, è stata presentata alla cittadinanza l’opera pittorica dell’artista Lucia Pescador intitolata “Di montagne e acqua”, recentemente donata alla comunità varennese. Un momento importante, che ha suggellato il termine dell’esposizione personale antologica “La Vita Scorre”, inaugurata lo scorso 15 Aprile a Varenna presso la Sala Polifunzionale “Rosa e Marco de Marchi”. La gratitudine di tutta l’Amministrazione Comunale è stata espressa dal Sindaco e dal Vicesindaco Nives Balbi.

Leggi anche:  Facebook è per molti... ma non per tutti. Strigliata in Comune e Lecco. E negli altri Comuni?

Il consiglio comunale

L’artista ha manifestato la sua soddisfazione per aver donato l’opera alla comunità e ha sottolineato quanto Varenna con le sue bellezze naturali e le sue antiche chiese sia stata da subito per lei fonte di ispirazione artistica e luogo del cuore. Durante il Consiglio  sono stati approvati, tra le altre cose il nuovo regolamento COSAP, che disciplina la tassa sull’occupazione del suolo pubblico, e lo schema di  convenzione tra la Provincia di Lecco e il Comune di Varenna per la gestione dell’ufficio procedimenti disciplinari in forma associata con il Comune e gli altri enti locali del territorio.