Il 118 si è mobilitato in rosso stanotte per una auto ribaltata che alla fine è diventato un “giallo” ma non in termini di codice sanitario.

Auto ribaltata fantasma a Olginate

Sul posto infatti i soccorritori non hanno trovato altro che i “cocci”, vale a dire un tappeto di vetri in frantumi. Nessuna altra traccia invece dei mezzi e delle persone senz’altro coinvolte in un incidente che però sembra essersi risolto da salo. Tutto questo poco prima delle 22.30 ad Olginate, sul rettilineo di via Spluga, all’altezza del civico 29. L’episodio ha mobilitato a vuoto oltre che un’ambulanza e un’auto medica, anche i vigili del fuoco e la Polstrada.

Tre ubriacature in giallo

Per il resto la serata di sabato  e la notte venendo a domenica è stata costellata da una serie di interventi tipici del weekend . Immancabili le intossicazioni etiliche. Ben tre quelle che hanno richiesto l’intervento del 118.

La prima in codice giallo alle 20.50, a Oliveto Lario, in prossimità della spiaggia, per un 27enne. Alla fine non è stato necessario il ricovero del giovane.

Il secondo caso è avvenuto poco prima delle 22 in centro a Merate, protagonista un cinquantenne. Anche per lui è stata sufficiente la prima assistenza sul posto da parte del personale paramedico, senza alcun passaggio dal Pronto soccorso.

Infine poco dopo l’una di notte, un terzo caso di ubriacatura ai limiti del ricovero è stato segnalato da Varenna. Il 118 è intervenuto in via della Riva.

Leggi anche:  Disperso sul Moregallo: individuato il corpo di Matteo Sponza

Malori acuti

Tre gli interventi per malori acuti che hanno impegnato il soccorso in emergenza. Il primo poco dopo le 20.15 a Merate, per un ottantenne sentitosi male in via Annunciata, traversa di via Statale. Per fortuna il caso si è risolto in un ricovero in codice verde al Mandic, per ulteriori accertamenti.

Secondo intervento poco dopo a Barzio, alle 20.51, stavolta per una cinquantatreenne sentitasi male in via Fornaci Merlo. In questo caso l’ambulanza è ripartita in codice giallo alla volta dell’ospedale Manzoni di Lecco, segno di un malore serio seppure non da rischio di vita.

Si è concluso con un ricovero il giallo nel nosocomio lecchese anche il terso intervento per malore, registrato dopo la mezzanotte in Largo Montenero a Lecco.

Tre capitomboli

Infine il capitolo cadute. Il primo capitombolo in via del Lavello a Bulciaghetto di Bulciago, attorno alle 23, ha visto protagonista un trentenne. Niente di grave. Infatti il giovane non è stato nemmeno portato in Pronto soccorso.

Il secondo caso a Barzio, poco prima delle 23.30, sempre in via Fornaci Merlo, vittima una 47enne poi trasportata in codice verde al Manzoni di Lecco.

Terza caduta a Oliveto Lario, questa mattina alle 7.44 in via Garibaldi. Una donna  di 64 anni è stata infine ricoverata in codice giallo all’ospedale Manzoni.