Ieri un pensionato di Missaglia, che si era avventurato nei boschi della Valsassina per cercare funghi, ha perso la vita dopo una tremenda caduta. Nella stessa giornata due escursionisti, zio e nipote di origini cinesi,  si sono persi, sempre sui sentieri della Valle. Questi sono solo gli ultimi intervento  che hanno visto in campo gli uomini della Diciannovesima Delegazione Lariana del Soccorso Alpino e della Stazione Valsassina.

Troppi drammi “fotocopia”

“In questi giorni gli infortuni, anche gravi o mortali, che riguardano i cercatori di funghi purtroppo sono numerosi e con dinamiche del tutto simili” spiegano dal Cnsas. “Spesso la causa dell’incidente è la scivolata lungo scarpate impervie per diversi metri, con conseguenze a volte fatali”.

Le indicazioni del Soccorso Alpino

“Ci sono alcuni accorgimenti che possono fare la differenza: le calzature sono molto importanti e ci vuole una suola che consenta una buona presa sul terreno invece degli stivali. E ancora  andate in posti che conoscete o con persone che li conoscono, per evitare improvvise situazioni critiche.  Valutate con attenzione le vostre capacità di muovervi su terreni molto ripidi. Il bosco, anche se familiare, può essere pericoloso se non si presta attenzione a tutti gli aspetti che lo caratterizzano”.

Leggi anche:  Bloccati in montagna dalla neve, tre giovani salvati dal soccorso alpino

Informazioni utili

“Sul nostro sito www.sicurinmontagna.it per la campagna permanente dedicata alla prevenzione del rischio potete scaricare opuscoli gratuiti in pdf con i consigli degli esperti” concludono dal Soccorso Alpino.