Un brutto quarto d’ora quello trascorso da un appassionato di mountain bike, Giampaolo Brivio, dentro il parco del Curone. L’uomo è stato circondato da un branco di cani feroci.

Paura nel Parco del Curone

Senz’altro un brutto quarto d’ora quello trascorso da un appassionato di mountain bike, Giampaolo Brivio, dentro il parco del Curone. E’ accaduto mercoledì scorso, “su un percorso usuale per ciclisti e meta di passeggiate di famiglie nel corso dei fine settimana” come ha sottolineato la figlia del malcapitato. La donna ha   diffuso video che documenta la disavventura. Lo ha fatto  perché “nell’interesse della comunità di cui facciamo parte, è necessario che questi fatti vengano portati a conoscenza. Questo per  evitare il verificarsi di situazioni spiacevoli e d’emergenza che con un senso civico opportuno è possibile impedire”.

La testimonianza

“In sella ad una bicicletta, mio padre è stato circondato da cinque cani, evidentemente ben addestrati a difendere il proprio territorio ma che inavvertitamente circolavano liberi su un sentiero pubblico, in prossimità del cancello carraio aperto – riferisce Ramona Brivio – Era solo, non poteva difendersi, non poteva chiedere aiuto: l’episodio è stato casualmente ripreso dalla GoPro che mio padre aveva montato sul casco. Nessuno dovrebbe trovarsi mai in situazioni del genere, attimi in cui si è costretti a fronteggiare una situazione di pericolosità evidente. I fatti sono stati segnalati anche alle autorità competenti affinché prendano provvedimenti per impedire che succedano ancora situazioni del genere e invitare i proprietari di cani ad averne cura per non mettere in pericolo la vita degli altri. Mio padre ha avuto sangue freddo e prontezza. La situazione poteva degenerare con conseguenze davvero critiche”.

https://www.facebook.com/210803962373120/videos/1409517952501709/