AGGIORNAMENTO Il peggiore dei sospetti ha trovato purtroppo conferma. E’ del 17enne Omar Gabr, lo studente scomparso lunedì mattina, il cadavere rinvenuto questa mattina nel fiume Adda tra Calolzio, Olginate e Brivio. La salma è stata avvistata intorno alle 11 di questa mattina dai tecnici che stavano sorvolando la zona con l’elicottero. Le ricerche, iniziate ieri, si erano concentrate velocemente sulla zona lungo il fiume visto che i cani delle unità cinofile avevano seguito una traccia che portava all’Adda. Stamattina, purtroppo la tragica svolta.

Un dolore straziante per i genitori e i fratelli del giovanissimo, residente a Montevecchia e anche per tutti i compagni di scuola dell’istituto Rota di Calolziocorte così come per gli amici dell’ Acd Brianza dove Omar giocava come portiere. 

Appresa la tragica notizia l’Amministrazione comunale di Montevecchia ha pubblicamente espresso le condoglianze alla famiglia Gabr.

 

AGGIORNAMENTO potrebbe concludesi con un tragico epilogo la vicenda del 17enne di Montevecchia scomparso da lunedì. Gli uomini impegnati nelle ricerche del giovane Omar Gabr, studente del Rota di Calolziocorte, hanno infatti individuato un cadavere nel fiume Adda, tra Olginate e Calolzio. Bisognerà attendere il riconoscimento per capire se si tratta proprio del ragazzino di cui non si hanno più notizie dalla mattinata del 6 maggio. Le ricerche, iniziate ieri, sono state sospese in serata e riprese questa mattina presto. I soccorritori si sono concentrati nella zona lungo il fiume perchè i cani molecolari avevano fiutato una traccia. In volo stamattina si è alzato anche l’elisoccorso.

 

Sono riprese  questa mattina, mercoledì 8 maggio 2019,   le ricerche  di Omar Gabr, lo studente scomparso da lunedì 6 maggio. Ieri pomeriggio militari, pompieri e unità cinofile hanno setacciato Calolzio concentrandosi in particolare nei dintorni della stazione e del lungofiume. Poi il buio ha spinto a sospendere temporaneamente le operazioni che sono ripartite nella mattinata di oggi a partire dal campo base che  è stato allestito in zona Sali di Bario.

Leggi anche:  Interventi dei sanitari per malori e cadute SIRENE DI NOTTE

Per cercare il 17enne questa mattina, insieme ai carabinieri, ai pompieri, ai cani molecolari e al soccorso speleologico e fluviale sono scesi in campo anche i vigili di Calolzio e Olginate e i volontari della Protezione Civile di Calolzio. Un centinaio le persone coinvolte nelle operazioni. Impegnate nelle ricerche, che al momento si stanno concentrando lungo il fiume anche le amministratrici calolziesi Cristina Valsecchi e Sonia Mazzoleni.

 

 

 

Studente scomparso

Il giovane, residente a Montevecchia, frequenta la seconda F dell’istituto Rota a Calolziocorte. E proprio a Calolzio è stato visto per l’ultima volta il 6 maggio intorno alle  8. Ieri familiari hanno deciso di diffondere la sua foto nella speranza di aiutare i Carabinieri di Merate, che confermano la scomparsa, nelle ricerche. Chiunque avesse informazioni è pregato di contattare il prima possibile il numero  039 9514000

Le ricerche

Proprio a Calolzio, e precisamente davanti alla stazione ferroviaria, ieri è stato allestito il “campo base” per le ricerche del giovane Omar, che oltre ad essere uno studente del liceo di scienze applicate è anche uno sportivo. Gioca infatti nel Acd Brianza.



Omar lunedì mattina come sempre è arrivato in staziona a Calolzio per andare a scuola. Ma nessuno in classe l’ha visto. Non solo, ma non ha più fatto rientro a casa.


I familiari hanno ripetutamente cercato di mettersi in contatto con lui. Ma il telefonino suonava inutilmente. Sembra che l’ultima cella agganciata sia quella della zona alta di Calolzio.

A Calolzio quindi sono partite le ricerche: Carabinieri, Vigili del Fuoco e unità cinofile hanno battuto la città alla ricerca del ragazzo. Passata al setaccio anche la zona del lungofiume.

Ricordiamo che chiunque avesse informazioni deve contattare i Carabinieri al numero  039 9514000

Foto e video Mario Stojanovic