Statale 36 chiusa: in corso le ispezioni sul fronte della frana. Anas infatti ha reso noto che sono state avviate nella prima mattina di oggi, giovedì 26 aprile 2019,  le ispezioni del versante da cui, nella serata di ieri, si è verificato il distacco di alcuni massi di grandi dimensioni che ha interessato le carreggiate della statale 36 “del Lago di Como e dello Spluga” in corrispondenza del km 66, all’altezza del comune di Lierna

LEGGI ANCHE

Statale 36 chiusa per frana: lunghe code sulla provinciale FOTO E VIDEO

Frana sulla SS36, traffico interrotto

Il punto del distacco

In azione anche un  drone

Dalle prime ore della mattina Anas ha avviato le attività di ispezione tramite i rocciatori e un drone per  individuare il punto di distacco del materiale dalla pendice, particolarmente estesa, in vista del successivo disgaggio. Sul posto sono presenti i tecnici Anas, il personale specializzato e i geologi per il monitoraggio e il coordinamento delle operazioni.

Statale 36 chiusa: non ancora noti i tempi di riapertura

Le carreggiate in entrambe le direzioni resteranno chiuse al traffico fino al completamento delle attività necessarie a ripristinare la sicurezza per il transito lungo la statale. Per il tempo di esecuzione degli interventi il traffico in direzione nord resterà deviato in uscita allo svincolo di Abbadia Lariana, al km 57,600, mentre il traffico in direzione sud resterà deviato in uscita a Bellano, al km 75,350, con prosecuzione sulla provinciale 72.

Leggi anche:  Terribile incidente sul lavoro all'alba: operaio muore schiacciato da una pressa. CHI E' LA VITTIMA

Traffico in tilt

Intanto la circolazione stradale è decisamente compromessa.

 

 

Lunghi incolonnamenti di auto intasano la Provinciale 72 sia in direzione sud che in direzione nord. Anche Google Maps dal satellite se n’è accorto e come itinerario per raggiungere Abbadia Lariana da Lecco, che distano circa 7 km, propone di passare per la Valsassina, rientrare sulla SP72 da Bellano e scendere di nuovo verso Abbadia. Un percorso di quasi 57 km che trasforma un tragitto di circa 7 minuti, in una giornata normale, in un viaggio di oltre un ora e venti.