Ha dovuto abbandonate il campo da gioco su una barella e poi la sua serata non è finita negli spogliatoi, ma prima su una ambulanza e poi in ospedale. Brutto, bruttissimo infortunio, la frattura dello sterno per Fabio Panzeri, giocatore della squadra di pallacanestro di Civate. Ma secondo la società civatese, quello di Panzeri non è stato un in incidente come tanti, compatibile con un gioco di contatto come è il basket. No. I civatesi hanno messo nero su bianco accuse molto pesanti nei confronti della squadra avversaria pubblicando un duro post in rete.

Sport violento

Tutto è successo ieri in Valtellina sul campo del Sportiva Basket Sondrio.

“Nel finale di partita un’entrata killer  del  n. 23 del Sportiva Basket Sondrio (che dal primo minuto insieme ad alcuni suoi compagni di squadra ha giocato e picchiato volutamente in modo inaccettabile – con la concessione dei direttori di gara), ha messo a rischio la carriera di Fabio” si legge nell’amaro post. “È inaccettabile che sia concesso di giocare a basket in questo modo. Il chirurgo riferiva in ospedale che per rompere lo sterno il colpo deve essere di una durezza folle, tanto che è un infortunio rarissimo”.

Carriera a rischio

“Le prime parole di Fabio sono state “Non potrò più giocare a basket”. Non la rabbia, anche se sarebbe normale incazzarsi, ma il pensiero alla sua più grande passione” si legge ancora sulla pagina facebook di Civitz Baketball. “Perdiamo un elemento fondamentale, non uno qualunque, per due anni miglior marcatore del girone (2016 e 2017), un leader silenzioso, un giocatore vero, uno che si vedeva per i tiri da 3 ma in difesa era sempre il n. 1. Quel che è sicuro è che da domenica giocheremo ancora più uniti anche per Fabio.In bocca al lupo Panz, il tuo posto non te lo ruba nessuno.Siamo sicuri che ieri non è stata la tua ultima partita e quelli, non sono stati i tuoi ultimi canestri.