Nel contesto dell’intensificazione dell’azione di contrasto allo spaccio di stupefacenti, disposta anche da recente Riunione Tecnica di Coordinamento che si è svolta in  Prefettura a Lecco, i Carabinieri del Comando Provinciale di Lecco hanno  condotto mirati servizi di controllo nelle aree boschive, notoriamente oggetto di spaccio.

LEGGI ANCHE  Tentato omicidio nel bosco della droga, arrestato un 22enne

Spaccio di droga nei boschi: ancora due arresti

L’attività ha premesso, nel pomeriggio di ieri 1° ottobre 2019, l’arresto, per detenzione ai fini di spaccio sostanze stupefacenti, diLamin Kuyateh, 34enne, cittadino del Gambia, irregolare sul territorio nazionale, già noto alle Forze di Polizia, sorpreso dai Carabinieri della Stazione di Calolziocorte all’interno del Parco Adda di Calolzio, in possesso di 23,50 grammi di “hashish”e della somma contante di Euro 152,00, ritenuta provento dell’attività di spaccio.

L’area verde posta lungo il fiume Adda, già da tempo oggetto di attento monitoraggio,è stata anche teatro di una precedente attività di polizia, condotta sempre dalla Stazione dei Carabinieri  di Calolziocorte che ha portato, lo scorso sabato 28 settembre, all’arresto di un altro cittadino del Gambia, Omar Ceesay, 24enne, irregolare sul territorio nazionale, già noto alle Forze di Polizia, trovato in possesso di stupefacenti destinati allo spaccio.

L’arrestato, nella mattinata odierna è stato condotto presso il Tribunale di Lecco per il giudizio direttissimo a seguito del quale il Giudice, nel convalidare l’arresto, ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di firma.