Spaccia la droga al parco, denunciato nigeriano già beccato nel blitz del Ferrhotel

Spaccia la droga al parco

Ci è “ricascato” e lo hanno ri beccato. Stiamo parlando di P.O., 32enne di origine nigeriana, che è stato denunciato a piede libero per spaccio dagli uomini della Questura. O per meglio dire è stato… ri denunciato. Sì perchè l’uomo è uno dei 33 stranieri che erano finiti nei guai a settembre quando la polizia lecchese effettuò la maxi operazione antidroga all’interno della struttura lecchese che ospita i richiedenti asilo.  Il 32enne, questa volta è stato “beccato” al parco di Villa Gomes, nel rione lecchese di Maggianico. Un luogo che già in passato aveva destato la preoccupazione, soprattutto di alcune mamme.

“Stufo di essere controllato”

Tutto è successo lunedì  quando gli uomini della  Squadra Mobile, coadiuvati da equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine “Lombardia” di Milano, hanno fatto una ispezione  all’interno del Parco. Diversi gli stranieri controllati. Tutto è “filato liscio” fino quando il 32enne ha iniziato a urlare e a inveire contro gli agenti sostenendo di essere stufo di essere controllato. A quel punto i poliziotti lo hanno perquisito.  L’uomo all’interno degli slip aveva  un involucro in cellophane che conteneva circa 20 grammi di  marijuana. Per questo è scattata la denuncia per detenzione ai fini di spaccio di droga.

Leggi anche:  Spaccio di droga, il sindaco lancia l'allarme

E non è l’unico ad essere finito ancora nei guai

Il migrante nigeriano non è l’unico  tra i deferito durante il blitz del Ferrhotel ad aver collezionato poi una nuova denuncia. A febbraio un altro giovane straniero era infatti finito nuovamente nei guai dopo essere stato sorpreso con la droga nei pressi del centro commerciale La Meridiana.