Si schianta sulla barca a Venezia: morto Fabio Buzzi, fondatore  della Fb Design, una delle aziende più importanti del Lecchese, con sede ad Annone. La tragedia si è consumata ieri  a Venezia e l’imprenditore lecchese  di 76  anni è una delle tre vittime insieme al pilota Luca Nicolini.

LEGGI ANCHE

Schianto: nell’incidente costato la vita a Fabio Buzzi “miracolato” il lecchese Mario Invernizzi, sbalzato dalla barca

Tragedia a Venezia: con Fabio Buzzi morto anche l’oggionese Luca Nicolini

 

Si schianta sulla barca a Venezia: morto Fabio Buzzi della Fb Design

L’incidente, la cui dinamica è al vaglio  delle Forze dell’ordine e dei Vigili del Fuoco intervenuti sul posto, è avvenuto ieri sera Venezia in località Lunata, tra punta Sabbioni e il Lido. La barca  di Buzzi, con la quale stava cercando di migliorare il record della Montecarlo-Venezia (che per altro già deteneva), si è schiantata contro la diga. Nulla da fare per i tre uomini a bordo del natante. I corpi delle prime due vittime sono stati recuperati subito, mentre un terzo componente dell’equipaggio è stato individuato poco dopo, anch’egli deceduto, dai vigili del fuoco.

Imprenditore illuminato e grande sportivo

Amante fin da ragazzo delle barche, Buzzi è stato uno dei piloti migliori al mondo nonché progettista di successo. Ha avviato il suo cantiere con la laurea in Ingegneria in tasca, arrivando a realizzare barche diventate famose in tutto il mondo per il design, ma soprattutto per la loro velocità. Tra i suoi   “clienti” anche la Guardia di Finanza.

Leggi anche:  Spaccio di droga: sequestrato quasi un chilo di sostanze stupefacenti

 

La filosofia dell’imprenditore è sempre stata quella di innovarsi continuamente: negli ultimi anni la FB ha depositato più di 80 brevetti. Una grande dedizione al lavoro, unita alla sfrenata passione per le barche, ha permesso all’azienda annonese di diventare un nome che fa la storia del settore.

Premi e record

L’ingegnere nella sua carriera ha ricevuto moltissimi premi e riconoscimenti. Ben 55 i titoli nazionali e mondiali conquistati come pilota, ma anche come progettista di barche da competizione.  In campo agonistico aveva iniziato  a gareggiare nel 1960: il primo titolo italiano è di tre anni dopo. Più volte iridato (la prima nel 1984 e l’ultima nel 1997), nel 2018 aveva stabilito il record di velocità per barche con motori diesel, 277,5 km all’ora sul lago di Como.

Guarda il video del record di velocità