“È necessario, in attesa del rafforzamento e dell’adeguamento del numero dei poliziotti in Lombardia, utilizzare subito i militari a bordo dei treni”.  Lo ha detto l’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato dopo l’ennesimo episodio di cronaca sui treni: un uomo, sul convoglio Lecco-Milano, ha sfondato un vetro causando ritardi e disagi.

LEGGI QUI TUTTI I PARTICOLARI SULLA VICENDA

Sfonda un vetro sul treno, De Corato: “Basta, vogliamo i militari a bordo!”

“In molte stazioni lombarde – ha aggiunto l’assessore – oggi sono ormai presenti i militari. A bordo dei treni controllerebbero la situazione e servirebbero anche da deterrente per chi ha intenzione di delinquere, garantendo così la sicurezza di personale e passeggeri”. Non è certo la prima volta che l’assessore invoca la necessità di questo provvedimento

LEGGI ANCHE  Dopo l’aggressione agli agenti lecchesi De Corato torna a chiedere militari sui treni

 

In arrivo nuovi poliziotti… ma non bastano

Come già annunciato dal vicepremier Matteo Salvini in Lombardia arriveranno rinforzi per le forze dell’ordine. “Sono in arrivo nella nostra regione – ha sottolineato De Corato – 279 nuovi agenti di Polizia, parte dei quali verrà destinata alla Polfer. Nonostante questo piccolo rinforzo del Ministro dell’Interno, gli agenti della polizia ferroviaria non sono comunque abbastanza: meno di 600 agenti per controllare i 2.500 km della rete ferroviaria lombarda, davvero pochi”.

Leggi anche:  Schianto nei pressi del curvone maledetto: auto tampona una vettura in avaria. Soccorsi anche tre bambini FOTO

LEGGI ANCHE Salvini  scrive al Giornale di Merate: “Più poliziotti e pompieri per la sicurezza di tutti”

Le linee critiche

“Proprio per questo – ha concluso l’assessore regionale alla Sicurezza – per evitare episodi come quello di oggi, molestie, rapine e aggressioni, che sui treni si verificano spesso, è necessario utilizzare a bordo i militari, in particolare nelle tratte più critiche come la Linea S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate), la linea S8 (Milano-Carnate-Lecco) e Valtellina, la linea S7 (Lecco-Molteno-Monza-Milano), la Mortara-Milano, la Voghera-Pavia-Milano, la Domodossola-Arona-Milano, la Milano-Carnate-Bergamo”.