Ancora un grave incidente sulle strade lecchesi sopo il pauroso botto di ieri sera sulla Strada Provinciale 342 dir che ha visto coinvolte tre auto e tre giovani. Nella prima mattinata di oggi, intorno alle 9,  ennesimo botto, sempre su una strada Provinciale, a Dolzago. Nello scontro tra due auto e un camion,  curiosamente tutti e tre condotti da stranieri, due donne sono rimaste ferite, fortunatamente non in modo grave.  Davvero pensanti  invece le conseguenze sulla circolazione, rimata a lungo paralizzata.

Clicca e scorri per vedere tutte le foto

Scontro tra due auto e camion

Il conducente di un camion proveniente da Oggiono verso Dolzago, probabilmente accecato dal sole, non si è accorto di una Lancia Y che impegnava la mezzeria   per svoltare a sinistra in via Vignola. Alla guida una ragazza, di nazionalità straniera, residente a Merate. Il tamponamento è stato violentissimo. L’auto ha fatto un giro su se stessa, invadendo l’opposta corsia sulla quale sopraggiungeva una Citroen Picasso. Alla guida una giovane straniera residente a Dolzago. La monovolume ha speronato l’utilitaria, facendole compiere un’ulteriore giravolta. L’urto le ha mandato in frantumi il parabrezza e fatto aprire gli air bag. Nel frattempo, cercando di bilanciare il contraccolpo del tamponamento, l’autista del camion sterzava a destra, finendo nel fossato che corre lungo la strada, in quel tratto leggermente in curva.

Leggi anche:  Chiusura al transito di alcuni tratti nei comuni di Airuno, Oggiono e Molteno

I soccorsi

Sul posto sono sopraggiunte una pattuglia della Polizia locale di Oggiono, un’ambulanza con a bordo i volontari di Besana e gli uomini del 118 che hanno raggiunto il luogo dell’incidente a bordo dell’auto medica. Sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco che si sono adoperati per ripulire la carreggiata dai rottami e dai liquidi fuoriusciti dai tre veicoli.

Clicca e scorri per vedere tutte le foto

 

Lunghe code

Come detto il traffico sia diretto verso Lecco che verso la Brianza è rimasto a lungo bloccato. Lunghe code si sono infatti formate in entrambe le direzioni e al momento la circolazione è ancora estremamente difficoltosa.