Domani sabato 18 maggio 2019, a esattamente una settimana di distanza dalla tragedia che ha sconvolto Lecco, verranno celebrati i funerali del giovane Daniele Della Bella,il 27enne morto sabato  11 maggio, a Olginate in un infortunio sul lavoro avvenuto all’interno della Autotrasporti Batazza. Si tratta della ditta di  Angelo Batazza, di cui Daniele era nipote.

LEGGI ANCHE Lecco ancora sotto choc per l’incidente costato la vita a Daniele. Da gennaio 7 morti sul lavoro nel Lecchese e in Brianza

Sabato l’addio a Daniele Della Bella, morto sul lavoro a 27 anni

La cerimonia  verrà officiata alle 10.45 nella basilica di San Nicolò a Lecco. La chiesa più grande della città di sicuro non riuscirà a contenere tutte le persone che vorranno  stingersi intorno alla mamma, al papà, alla sorella e a tutti i parenti di Daniele tributando  un ultimo doveroso e commosso omaggio al giovane lavoratore scomparso in circostanze tanto tragiche quanto assurde.

I sindacati chiedono un incontro con l’azienda

Alle esequie sarà presente anche una delegazione della Cgil. “Oltre a esprimere il nostro più profondo cordoglio – dichiarano il segretario generale della Cgil lecchese Diego Riva e il segretario generale della Filt lecchese Salvatore Campisi -, e in attesa di conoscere la dinamica dell’incidente, ci attiveremo nei confronti dell’azienda per ottenere un incontro dove rimarcheremo quanto sia importante mantenere alta l’attenzione sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Sono ancora troppi gli infortuni, anche quelli mortali come in questo caso dove è stata portata via una giovane vita. Siamo sempre più convinti che servono maggiori investimenti sia nella formazione sia nella sicurezza, perché si evitino altre tragedie”.

Leggi anche:  Beccato con oltre due chili di droga tra coca, hashish ed eroina gialla: in manette

La tragedia

Della Bella infatti è scivolato accidentalmente mentre  stava scaricando del materiale da un camion e ha battuto il capo. Subito  sono stati allertati i soccorsi e sul posto sono giunti i volontari di Calolzio e i medici del 118 a bordo dell’auto medica. Ma per Daniele non c’è stato nulla da fare.