Una vera e propria imboscata, al buio, in sette contro tre. E’ un episodio davvero inquietante quello avvenuto nel cuore della notte tra sabato e domenica  scorsa lungo il tratto di ciclabile a lago che collega Lecco con la zona della discoteca Ora Maggiore. Un episodio che è costato una denuncia a sette giovani, cinque dei quali minorenni che hanno rapinato un ragazzo minacciandolo anche di buttarlo nel lago se non avesse consegnato loro dei soldi.

Rapinano un giovane e minacciano di buttarlo nel lago

LEGGI ANCHE Devastano gli arredi in preda all’alcol: beccati i baby vandali

Sono le 3.45 di domenica notte quando  gli uomini delle Squadre Volanti della Questura di Lecco  giungono al parcheggio della discoteca affacciata sul lago.  Subito la loro attenzione viene richiamata da  un ragazzo affannato e in forte stato di agitazione. Il giovane racconta ai poliziotti di essere riuscito a sfuggire ad alcune persone che lo avevano fermato sulla pista ciclabile lungo Lario Piave e che gli avevano poi sottratto del denaro (20 euro) minacciando che se non avesse consegnato i contanti sarebbe stato buttato nel lago. La vittima aggiunge che, con tutta probabilità, i suoi “aguzzini” sono ancora sulla ciclabile.

Subito i poliziotti, supportati anche dai colleghi della Polizia Stradale, impegnati nei servizi contro le stragi del sabato sera, si mettono sulle tracce dei “rapinatori” e individuano un gruppo di ragazzi che cammina frettolosamente verso Lecco. Li fermano e li controllano e riescono a ricostruire nel dettaglio tutta la vicenda.

Leggi anche:  Incidente in Tangenziale Est a Milano, due morti FOTO

7 nei guai per rapina aggravata in concorso. Cinque sono minorenni

Scoprono che tre ragazzi, tra i quali la vittima della rapina,  dopo aver passato la serata nella discoteca “Orsa Maggiore”, avevano deciso di far rientro a casa incamminandosi sulla pista ciclabile non illuminata di lungo Lario Piave in direzione di Lecco. Dopo poche decine di metri, avevano superato un gruppo di sette ragazzi fermi a bordo strada sulla  ciclabile, che immediatamente dopo, avevano cominciato a seguirli. I sette si erano quindi poi disposti in modo tale da bloccare e controllare con la loro presenza i tre malcapitati a cui seguiva con minacce la richiesta di denaro. A quel punto per i sette scatta la denuncia per denunciate per rapina aggravata in concorso.

Il Questore sollecita Anas: “La ciclabile va illuminata al più presto”

L’episodio riporta alla ribalta la tematica della sicurezza sulla pista ciclo pedonale tanto che  il Questore di Lecco ha inoltrato richiesta ad ANA per  sollecitare l’istallazione di un impianto di illuminazione nel tratto di “ciclabile” o fra la località Caviate ed il confine con il comune di Abbadia Lariana.

LEGGI ANCHE Ciclabile Lecco-Abbadia: rinviati a settembre i lavori di completamento del primo stralcio

Anas, prima dell’estate, aveva annunciato i lavori nel mese di settembre, con la chiusura totale a parire dal 16.