E’ caccia ai banditi che nella mattinata di ieri, giovedì 10 gennaio 2019, hanno picchiato e rapinato un 87enne, Bernardo Bettiga e la figlia Anna Maria di 52 anni nella loro abitazione di via Posallo a Colico. Una vicenda dai contorni choc quella sulla quale stanno indagando i Carabinieri.  Due, secondo le informazione raccolte dai militari dell’Arma, le persone  che sono entrate in azione nella casa, situata in una zona rurale del paese, senza farsi scrupolo di utilizzare una violenza allucinante contro le loro vittime. Avevano il volto coperto e in mano delle pistole giocattolo.

Rapina dell’orrore: è caccia ai banditi

I malviventi avrebbero infierito in particolar modo sulla figlia 52enne”rea” di aver tentato di difendere l’anziano padre. Anche l’uomo, Bernardino, come in paese viene soprannominato, era stato colpito alla testa. Non solo ma era stato legato ad una sedia  con delle fascette e anche imbavagliato. Massimo, al momento, il riserbo degli inquirenti che hanno confermato che i malviventi hanno portato via dall’abitazione dell’orrore “solo” la Fiat Panda della donna. Mezzo con il quale si sono allontanati precipitosamente da via Posallo.

LEGGI ANCHE

  Arancia Meccanica sul Lago: padre e figlia rapinati e malmenati in casa

Colico sotto choc: ecco chi sono le vittime FOTO

Rapina dell’orrore a Colico, Santanchè: “Alle bestie va garantita la punizione più severa”

“Troppi furti nel nostro paese”

“E’ con una certa tristezza e non senza stupore che mi trovo a commentare un episodio tanto violento e crudele avvenuto nel mio paese, nella nostra amata Colico” ha sottolineato Marco Masetti di Fdi. “La piaga dei furti in appartamento, che purtroppo si ripresenta ciclicamente, è sfociata, in modo inedito ma forse non imprevedibile, in brutale violenza ai danni di due concittadini. Voglio prima di tutto esprimere come cittadino e come rappresentante di Fratelli d’Italia la solidarietà alle due vittime. In secondo luogo, da colichese, mi aspetto che questo episodio serva almeno a garantire un maggiore, costante e più capillare presidio del territorio . Mi unisco infine al pensiero dell’On. Santanchè: lo Stato ha il dovere di esserci, di assicurare alla giustizia i responsabili e comminare loro una pena severa e certa”.

Leggi anche:  Carabiniere ucciso il giorno prima del suo compleanno, "Un sacrificio che fa arrabbiare e commuovere"

 

“Servono più forze dell’ordine a Colico”

Questo invece  l’intervento del l Movimento Nazionale per la Sovranità

Il nostro territorio è stato teatro di un episodio di inaudita violenza, una donna cinquantenne e l’anziano padre sono stati aggrediti e malmenati all’interno della propria abitazione, probabilmente a seguito di una rapina finita male. Il Movimento Nazionale esprime solidarietà e vicinanza alle vittime ed alla comunità colichese. Ci uniamo alla cittadinanza nell’esortare la reazione delle istituzioni al fine di stroncare sul nascere episodi così violenti e dimostrare la presenza dello Stato. Auspichiamo, come prima risposta concreta, che chi di dovere voglia, seppur tardivamente, dar seguito alla richiesta, avanzata da tutte le ultime amministrazioni colichesi, di dislocare sul territorio più uomini delle forze dell’ordine per garantire un presidio costante e prevenire certi accadimenti.