Raffica di furti in bar, ristoranti, negozi: beccati Bonnie e Clyde lecchesi. Il marito, 28 anni, è in carcere a Pescarenico. La moglie, coetanea, ha l’obbligo di dimora a Olginate e non può lasciare la sua casa di notte….

Beccati Bonnie e Clyde lecchesi

Nello scorso fine settimana i Carabinieri del Comando Stazione  di Olginate hanno tratto in arresto, in esecuzione di Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, per furto, emessa dal GIP del Tribunale di Lecco, Walter Tavola, 28enne, residente a Olginate, già noto alle Forze di Polizia. L’attività investigativa condotta dai Carabinieri della Stazione di Olginate, che ha consentito alla locale Procura della Repubblica di richiedere la misura restrittiva, ha fatto emergere elementi di responsabilità a caricodel 28enne  in ordine a numerosi furti, commessi in Lecco e nei comuni limitrofi dal giugno all’agosto 2019.

 

Nella stessa indagine è rientrata anche Amanda Salice , 28enne, moglie convivente di Ravola, sul conto della quale il GIP ha applicato la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Olginate e della permanenza notturna presso l’abitazione di residenza, in quanto ritenuta responsabile di tre episodi commessi,a luglio e agosto 2019, insieme al marito.

LEGGI ANCHE Arrestato il rapinatore seriale dei bar: agiva armato di coltello

Tutto è partito da un portafoglio

Le indagini hanno tratto origine da un furto di un portafoglio, lasciato in un armadietto metallico dai genitori di un neonato che si trovava ricoverato nel Reparto di Neonatologia Infantile, avvenuto l’8 giugno 2019, all’interno dell’Ospedale di Lecco

 

L’episodio ha permesso di aprire un “focus” sulla figura di Tavola già noto alle Forze di Polizia, tanto da poterlo mettere in relazione con ulteriori furti commessi, in rapida successione, nei mesi di luglio ed agosto. Colpi avvenuti principalmente in esercizi pubblici (bar e ristoranti).

Il modus operandi

Il 28enne, approfittando dell’orario notturno di chiusura, scassinava le serrante ed entrava nei negli esrcizi pubblici asportando il denaro custodito all’interno dei registratori di cassa; spesso si appropriava anche di generi alimentari e, in più occasioni, di alcune bottiglie alcoolici, fra cui vino e champagne. Uno degli esercizi pubblici, posto sul lungolago di Garlate, è stato preso di mira numerose volte.

Raffica di furti in bar, ristoranti, negozi

L’attività investigativa, condotta anche con un attenta analisi delle immagini dei vari sistemi di videosorveglianza dei pubblici esercizi colpiti, è stata inoltre affiancata da perquisizioni locali, a seguito delle quali sono stati rinvenuti alcuni dei beni sottratti e sono stati acquisiti ulteriori gravi indizi di colpevolezza a carico dell’arrestato.

Gli episodi contestati, oltre a quello avvenuto all’interno dell’Ospedale di Lecco, riguardano  certamente i furti commessi in:

    • Pescate, in danno di un Chiosco-Bar, in data 30 luglio e 13 agosto 2019;
    • Garlate, in danno di un Bar, il 31 luglio 2019;
    • Garlate, in danno di un Bar, in data 30 luglio, nonché il 1°- 5- 11-12 e 13 agosto 2019;
    • La Valletta Brianza,  in danno di un negozio di abbigliamento, l’8 agosto 2019;
    • Vercurago, in danno di un Ristorante, il 14 agosto 2019,

ma non si esclude che ve ne siano altri, sui quali sono tuttora in corso le indagini dei Carabinieri.

L’arrestato,  rintracciato dai Carabinieri della Stazione di Olginate è stato condotto presso la Casa Circondariale di Lecco, a disposizione della locale Autorità Giudiziaria.