Punto da un insetto: anziano in shock trasportato in ospedale in elicottero. E’ successo questa mattina, intono alle 10 a  Sueglio e ora l’uomo è stato portato in condizioni serie, ma fortunatamente non critiche, all’ospedale Manzoni di Lecco.

76enne punto da un insetto finisce  in ospedale in condizioni serie

Vittima “dell’incidente” un pensionato di 76 anni che è stato punto da un imenottero in località Monte Lete. Inizialmente si è temuto il peggio tanto che i sanitari si sono mossi con il codice rosso di massima gravità. Considerata la zona impervia e la necessità di prestare tempestivamente le prime cure all’uomo, la centrale operativa di Areu ha dirottato a Sueglio l’eliambulanza decollata da Milano. L’uomo è stato trattato sul posto e quindi trasportato in codice giallo a Lecco in elicottero.

LEGGI ANCHE Punta da un insetto, soccorsa in quota con l’elicottero

Le punture di imenotteri

Le punture di imenotteri (apidi e vespidi) rientrano nei casi di punture di insetti. Mentre le vespe possono pungere più volte le vittime, le api nel corso della loro esistenza possono farlo una volta sola. Spesso tali insetti pungono quando si sentono minacciati o comunque vengono disturbati da intrusi.Le singole punture, dette non complicate, producono dolore immediato con qualche segno di edema locale e flogosi, entrambi iniziano a scomparire da poche ore successive all’evento; quando invece si subiscono un numero elevato di punture, nella persona si può riscontrare diarrea, vomito, dispnea, insufficienza renale, ipotensione ed edemi generalizzati.

Leggi anche:  Ancora un grave incidente sul lavoro: operaio precipita per 7 metri in una buca FOTO

Prima di tutto bisogna estrarre gli eventuali pungiglioni rimasti conficcati nel corpo umano, evitando l’uso di pinze che possono al contrario aumentare la dose di veleno. Le zone interessate dalle punture devono andare a contatto con impacchi ghiacciati per rallentare l’azione del veleno.

Per alleviare il dolore e i fastidi è utile la somministrazione di analgesici, antistaminici e, nel caso di porzioni interessate del corpo molto estese, l’uso di steroidi per via orale.

L’anafilassi va trattata specificatamente con l’uso di adrenalina cloridrato, le persone punte dovrebbero essere monitorate, per controllo, e per essere sicuri che non ci siano casi di ricaduta, per 24 ore.