Pronto Soccorso di Lecco: a 108 anni visitata e messa alla porta dopo 5 ore. I parenti hanno chiesto invano il ricovero in un letto di sollievo. Protagonista, o vittima, dell’incredibile vicenda avvenuta all’ospedale Manzoni di Lecco è Rosina Peluso, 108 anni (quasi 109).

Pronto Soccorso di Lecco: a 108 anni visitata e messa alla porta dopo 5 ore

«La paziente sta benone, la dimettiamo dal Pronto soccorso: fatele un clistere e portatela a casa»: questo si sono sentiti rispondere i nipoti della donna. Sì, peccato che la malata in questione  Rosina Peluso  abbia quasi  . Inoltre, nell’appartamento di via Belvedere a Lecco, dove vive dal 1954, non c’è nessuno che la possa accudire. Perché il figlio Pier Clemente Peluso (ex insegnante), che di anni ne ha 75 e vive con lei, si trova ricoverato nel reparto di Cardiologia del Manzoni per sottoporsi a un delicato intervento chirurgico.

Rifiutato anche il letto di sollievo

A nulla sono valse le richieste dei nipoti Aldo e Alba di ricoverare l’anziana – almeno per una notte – in quello che viene definito un «letto temporaneo di sollievo», perché dal medico di turno è arrivato il gran rifiuto: «Se la paziente sta bene, non si può fare»

Leggi anche:  Panzeri in Patagonia ricordando Chiarlie e Lorenzo VIDEO

Grazie all’interessamento di una persona  fortunatamente  domani o mercoledì l’anziana dovrebbe entrare in una Rsa a Civate

Leggi tutti i particolari dell’incredibile vicenda sul Giornale di Lecco in edicola dal 9 dicembre 2019.  (Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store).