Picchetto davanti alla Fiocchi Munizioni. Ad organizzarlo ieri sera è stata Rifondazione Comunista. In campo sono scese anche le lavoratrici dell’Aerosol Valmadrera. Sul posto sono intervenute persino le forze dell’ordine.

Picchetto davanti alla Fiocchi

“Come Federazione della Rifondazione Comunista Lecco abbiamo organizzato un volantinaggio alla Fiocchi Munizioni” spiegano gli organizzatori. “Ieri  quindi nel cambio turno delle 22 alcuni attivisti del partito, insieme a delle lavoratrici Aerosol, hanno distribuito volantini”  Nei manifestini  si chiedeva soprattutto  di solidarizzare con i lavoratori dall’ azienda valmadrerese. Uomini e donne che  “da mesi sono impegnati in una delicata vertenza che rischia di portare alla chiusura del sito produttivo”.

Le responsabilità dell’azienda lecchese

A detta dei membri di Rifondazione infatti “La famiglia Fiocchi e’ direttamente responsabile di questa situazione soprattutto perchè  fino a poco fa ne era proprietaria. Poi  ha venduto le quote per 14 euro a fiduciari e Holding”.

La situazione della Fiocchi

Nel volantino si faceva perciò  riferimento anche alla attuale situazione della Fiocchi Munizioni. L’azienda di Belledo  sta cedendo le quote di maggioranza alla società Charme Capital. “E qui si pongono delle domande” dicono perciò  i promotori del picchetto di ieri. “Quale è il piano industriale dei nuovi azionisti? Agli oltre 100 lavoratori con contratto a termine verrà data continuità lavorativa?” .

Leggi anche:  Un nuovo albero nel parco di Villa Gomes

Intervento delle forze dell’ordine

“Non sono mancati momenti di tensione”aggiungono da Rifondazione. ” L’azienda indispettita per la presenza del presidio ha chiamato le forze dell’ ordine che hanno identificato i presenti”.

Ecco quindi il testo integrale del volantino distribuito ieri sera. Per vederlo clicca qui.