Paura per una fuga di gas: evacuata una palazzina. Allarme è scattato nel pomeriggio di oggi, mercoledì 26 giugno 2019 a Lomagna. Luigi Gallazzi, uno  dei residenti dello stabile situato all’incrocio tra via Milano e via Matteotti, ha avvertito un forte odore di metano sulla tromba delle scale e ha immediatamente chiesto aiuto.

Paura per una fuga di gas: evacuata una palazzina

Sul posto, una manciata di minuti dopo le 17, si sono precipitati i Vigili del Fuoco di Lecco e di Merate, i Volontari della Protezione Civile e i tecnici del gas, i Carabinieri e gli agenti della Polizia Municipale. La palazzina è stata temporaneamente evacuata: circa cinquanta persone, tra residenti e vicini di casa, si sono riversate terrorizzati in strada.

Individuata la perdita

Subito i pompieri sono entrati in azione passando al setaccio l’immobile di tre piani più il pianterreno. Sembra che la fuga di gas sia stata individuata all’interno di uno degli appartamenti situati al terzo piano, abitato da una persona anziana.

Leggi anche:  Trovato uno zaino in un canalone in Grignone: soccorsi mobilitati ma nessun ferito

Una decina le persone soccorse, tra loro diversi anziani e un bimbo di due anni

A Lomagna sono intervenuti  anche i soccorritori. Al momento non sembra ci siano persone intossicate in maniera seria ma una decina, fra uomini e donne, soprattutto gli anziani,  e anche un bimbo di soli due anni, complice il caldo e la comprensibile paura, sono state prese in cura dai medici.

 

In via Milano infatti sono arrivati sia infatti  gli uomini del 118 che i volontari della Croce Bianca di Merate.

Sul posto anche sindaco e assessore

L’agenzia assicurativa Zurigo,  situata davanti al condominio, ha immediatamente “spalancato le porte” accogliendo le persone che sono state temporaneamente fatte uscire di casa.

A  sincerarsi  delle condizioni di tutti i residenti sono arrivati anche il  sindaco Cristina Citterio, il vicesindacoStefano Fumagalli e l’assessore Simone Comi. Intorno alle 18.20 pompieri e tecnici, dopo aver appunto individuato la perdita, hanno tolto il gas a tutto il palazzo per consentire così il rientri degli “sfollati”.