Ennesimo attacco allo Stallazzo. L’ultimo episodio di una interminabile serie di furti e atti vandalici si è consumato questa notte. A scoprire gli ingenti danni sono stati i volontari arrivati al ristoro sull’Adda questa mattina. I malviventi sono riusciti ad entrare all’interno della struttura da una finestra del primo piano. Come per quanto accaduto poco più di tre settimane fa i vandali, una volta entrati, si sono accaniti sul ristoro distruggendo tutto quanto hanno trovato.

Vandali o ladri?

Ancora una volta i volontari si sono ritrovati davanti ad una scena di devastazione. I ladruncoli hanno rovistato ovunque, svuotando per prima cosa il registratore di cassa e poi anche il frigorifero. Per finire i criminali hanno deciso di “festeggiare il colpo2 mangiando sul posto una torta.

Una scena di desolazione che, anche in questo caso come nei precedenti episodi, pare più da ricondurre d un atto vandalico che non ad un furto. I malviventi hanno trovato una via d’accesso dalla finestra del primo piano, a cui sono arrivati utilizzando a mo’ di scala alcuni tavoli posizionati nel cortile esterno. Una volta entrati sono scesi al piano di sotto dove hanno messo in atto la propria opera di distruzione.

Leggi anche:  Colico, ennesimo episodio di vandalismo: abbattuta la cassetta dei libri

Gasparini dice basta

“Questa volta chiudiamo davvero”, è stato il commento a caldo di un delusissimo Luigi Gasparini, presidente di Solleva. A nulla infatti sembra essere servita la giornata di protesta organizzata dai volontari del ristoro nella mattinata di sabato 13 luglio. Nonostante le richieste di aiuto a Enti e Comuni operanti sul territorio al momento la situazione non è cambiata e lo Stallazzo si è ritrovato colpito dai malviventi per l’ennesima volta dall’inizio di questo drammatico 2019.