‘Ndrangheta a Lecco: Metastasi, sentenza definitiva. Il ricorso in Cassazione è inammissibile.  Giovedì 28 novembre si è chiuso definitivamente il processo «Metastasi», con il verdetto della Suprema Corte di Roma. Da giovedì sera per l’ex consigliere comunale Ernesto Palermo, e per i coimputati Alessandro Nania e Claudio Bongarzone, la sentenza è diventata definitiva. Non solo, perché la Cassazione ha stabilito che i tre dovranno versare 2000 euro ciascuno a favore della Cassa delle Ammende.

LEGGI ANCHEMetastasi: per i giudici Palermo era il volto pulito della ‘Ndrangheta di Lecco

‘Ndrangheta a Lecco: Metastasi, sentenza definitiva

Si è quindi conclusa definitivamente la vicenda scoppiata come un bubbone nel 2014 e che ha visto il coinvolgimento anche di ex amministratori come  appunto il consigliere comunale di Lecco Ernesto Palermo o l’allora sindaco di Valmadrera Marco Rusconi.

Fino ad oggi Palermo in carcere ci è stato ben poco, soprattutto perché ha prodotto una corposa documentazione che attesta dei problemi di salute. Tuttavia, se il giudice dovesse ritenere che la sua malattia può essere curata anche in cella, potrebbe finire di scontare la pena in prigione.

Leggi anche:  Lecco piange Meco, ha insegnato ad amare il teatro a intere generazioni

LEGGI ANCHE Metastasi, riconosciuta la mafia: 10 anni all’ex consigliere Palermo

 

Tutti i particolari sul giornale di Lecco in edicola da lunedì 2 dicembre 2019.  (Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store).