Prima la lite in strada per una mancata precedenza con due ragazze poi le botte da uno sconosciuto. E’ stata decisamente una notte da dimenticare quella fra sabato e domenica  a Lecco per un giovane di 25 anni residente in via Mentana, una strada stretta nel rione di Castello, all’incrocio tra a via Seminario e via Moneta.

LEGGI ANCHE Accoltellato a Monza l’inviato di Striscia la Notizia

Lite in strada a Lecco

Tutto succede poco dopo le due del mattino. Il 25enne è alla guida della sua auto e sta rincasando. Giunge a pochi metri da casa quando – al volante della sua auto – giunge una giovane di 22 anni, residente a Galbiate che sta accompagnando a casa un’amica 24enne di origine straniera che abita pure lei in via Mentana. Non è dato sapere quale dei due automobilisti “manchi”  la precedenza o effettui una manovra inconsulta. Sta di fatto che tutti gli occupanti delle due vetture scendono e cominciano a litigare.

Giovane finisce al tappeto

L’ora è tarda e le parole volano grosse. Entrambi i conducenti si accusano quando alle spalle del 25enne arriva un gruppetto di persone. Forse si tratta di conoscenti delle due giovani oppure semplicemente di qualcuno che – vista la scena – si improvvisa… giustiziere della notte. Non è dato saperlo. La cosa sicura è che una di queste persone sferra un pugno al 25enne e lo colpisce all’arcata sopraciliare. Poi come se niente fosse l’aggressore si allontana in tutta fretta.

Leggi anche:  Eventi da non perdere la prossima settimana a Lecco (27 gennaio - 2 febbraio)

I soccorsi

Il giovane comincia a sanguinare. Immediata parte la richiesta d’aiuto e sul posto arriva un’autoambulanza della Croce rossa di Lecco. Non solo perché vengono allertati anche i carabinieri di Lecco e sul posto, la centrale operativa, invia una pattuglia. I militari raccolgono le testimonianze dei tre contendenti, poi il giovane viene caricato sull’autoambulanza e trasportato all’ospedale Manzoni di Lecco in codice verde. I sanitari che lo visitano lo dimettono con pochi giorni di prognosi. Ora il 25enne dovrà decidere se sporgere querela contro ignoti oppure se sorvolare sul brutto episodio che – in ogni caso – ha lasciato il segno.