La killer dei gatti di lecco torna in azione: cucciolo salvato in extremis.

LEGGI ANCHE Seviziati e ammazzati: lecchese indagata per uccisione di gatti

Nuova denuncia per la killer dei gatti di Lecco

 A.T., la 41 enne di Lecco sospettata dell’uccisione di tre gatti, uno dei quali sarebbe morto per congelamento, è tornata in azione. A lanciare l’allarme è l’Enpa di Bergamo, con la presidente Mirella Bridda.

«Negli ultimi giorni – denuncia Bridda – siamo riusciti ad evitare che alla sospetta killer di gatti fosse dato in affidamento un altro felino, un cucciolo di sole tre settimane. L’indagata ha cambiato modus operandi: ha iniziato a “muoversi” fuori regione ma, sospettiamo, potrebbe anche fornire false generalità, utilizzando, ad esempio, quelle di parenti o amici»

“Sorvegliata speciale”

Intorno ad A.T. si è creato un cordone sanitario; una rete formata da residenti, attivisti, associazioni e polizia giudiziaria che, per quanto possibile, tiene sotto sorveglianza la 41enne, intervenendo al momento opportuno. Come nel caso dell’ultimo cucciolo, la cui consegna ad A.T. è stata evitata in extremis proprio grazie al passaparola.

Leggi anche:  La borraccia “Lecco Pride”: un gadget ecologico e solidale

Ordinanza restrittiva emanata dal Comune

«Si tratta – prosegue Bridda – di un’attività strutturata, complessa e impegnativa che non può essere lasciata al volontarismo dei residenti. Tutti noi ci auguriamo che i servizi sociali controllino e seguano costantemente l’indagata».

Del resto, gli elementi a carico della 41enne, destinataria anche di un’ordinanza restrittiva emanata dal Comune, sono tali da prefigurare una situazione di pericolosità sociale. In questa vicenda così triste è fondamentale che ciascuno faccia la sua parte.